Una creatura angelica dalle chiome dorate, un cavaliere in armatura sulla riva di un lago e il suono di un corno che rompe il silenzio; cambio di scena: immerso nelle luci della sera riposa un antico castello, con uno spicchio di luna a illuminarlo; poi, un ragazzino in fuga tra i boschi. Ed è teatro: danze tribali di strane figure coperte di piume, il volto nascosto da maschere non umane, lo stupore e l‘orrore. Non manca il cavallo bianco che sbuca dai rovi, a ricongiungersi col cavaliere errante, mentre altrove prosegue – separata – l’azione: i bambini fra la nebbia e le vette rocciose, più in là gli spiriti notturni coi loro riti ancestrali.
Kin, dei fratelli Seb e Ben McKinnon, prodotto da Five Knights Productions, è una favola muta, scandita da un brano electro-pop, soave come una nenia. Fantasy puro, immerso tra memorie mitologiche ed estetiche romantiche, a sprigionare la potenza del racconto e la bellezza sublime del paesaggio. L’evento finale, reso attraverso efficaci effetti speciali, affida a una gigantesca aquila il ratto terribile che prelude allo smacco: il cavaliere, in corsa verso il ragazzino, è sconfitto dal tempo e dal destino.

Presentato in moti festival internazionali, tra cui “Off-Courts” (Francia), “Razor Reel Fantastic Film Festival” (Belgio), “Cyprus International Film Festival”, (Cipro), “Portobello Film Festival” (UK), Kin vince per il miglior Direttore della Fotografia nella categoria “Quebec Short Film”, al 17esimo “Fantasia International Film Festival” (Canada, Quèbec). Fotografia bellissima, di grande intensità, tutta giocata sui toni grigio azzurri e su una grana brumosa, a tratti lattiginosa, iper definita. Un piccolo film annegato in un’atmosfera autunnale, dissolto in uno slow motion perenne e affidato a immagini senza tempo. L’origine perduta di una piccola storia in forma leggenda.

Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • Tutto troopo didascalico e leccato , irrisolto, poi l’uccello del finale non è un’aquila ma sembra una cornacchia !!