C’era una volta un bosco di betulle, dove una creatura leggiadra avanzava, in mezzo a una tempesta di piume. Tronchi d’argento, quinte difoglie e rami, la luce del giorno e il vento. A muoversi con grazia e lentezza, in una danza accennata, una giovane donna, angelica creatura al centro della scena. Con lei due bambine, l’innocenza e la femminilità acerba. È questo il magico set che Ludovica Amati ha voluto, per dare una storia e un’immagine alla sua collezione autunno-inverno 2013-14. Celestial si chiama questo fashion film, in cui gli abiti essenziali, caldi, flessuosi, leggerissimi, si animano nei corpi, nei gesti, nei luoghi di una piccola fiaba filmica, sussurrata in sei minuti e mezzo.

Tra armonie di natura, intrecci di suoni, ricordi, emozioni tattili, un paesaggio etereo si descrive, lasciando intravedere i decori, le finiture, i tagli e le texture di camice, abiti, cappe, cappotti: dall’uccello azzurro, preziosamente ricamato sul grande scialle nero di voile, allo spolverino gessato che quasi per caso finisce sul vestito impalpabile, a contrasto con i pattern etnico-geometrici, la collezione si declina così, per sovrapposizioni, aperture, dettagli, riflessi, strutture lineari, minime disarmonie. Acqua, terra, aria, trasparenze in accordo, per uno stile povero e appena retrò, che unisce essenzialità, raffinatezza, romanticismo, attitudine spirituale, candore. Il video è firmato da Silvia Morani, su un concept di Ludovica Amati.
Per chi avesse voglia di approfondire, è in arrivo sul nuovo numero del nostro magazine un box – a firma di Alessio de’ Navasques – dedicato alla ricerca della fashion designer: una delle chicche della pagina ‘Moda’, a cura di Clara Thosi Pamphili. E per chi si trovasse a Milano, il prossimo 21 settembre, da non perdere la sua sfilata-evento al Castello Sforzesco: organizzazione White, installazioni di Davide Dormino e Alessandro di Cola, musiche di Diego Buongiorno, voce di Joanna Preiss.

Helga Marsala

www.ludovicaamati.com/

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.
  • Luna d’argento

    Bellissimo video, poetico, affascinante, fantastico, suggestivo, commentato splendidamente.
    Quando la moda è arte, quando l’arte parla di moda…