Visto che di spot parliamo abbastanza sovente, qualche volta mostrandovi degli ottimi lavori filmici, qualche altra evidenziandone banalità e conformismo, oppure usandoli come fltro per leggere vizi e attitudini della società contemporanea, eccoci con un altro esempio ben riuscito, una prova raffinata, semplice nel concept quanto efficace nel risultato. Si parla di automobili, nello specifico dell’iconico fuoristrada targato Land Rover. Ma in questo nuovo teaser, prodotto dalla statunitense Aspen Marketing per la campagna Above&Beyond, non troverete nè donne sexy, nè uomini sicuri di sé, nè comitive di amici che sfrecciano in autostrada o famigliole in vacanza, nè immagini di paesaggi incontaminati. Nessun cliché immediatamente associabile al mondo dei motori. Qui c’è invece un esperimento firmato dal collettivo di creativi multimediali e videomaker Artistic Image, tramite l’agenzia di management e produzione esecutiva American Artists: un prodotto che punta interamente su suggestioni epidermiche e su input essenziali trasmessi in modo emozionale.

L’idea è quella dell’origami, l’antica e sempre seducente tecnica giapponese artigianale: l’automobile, anzichè venire rappresentata con i consueti topos della forza, della robustezza, della velocità, dello scatto, diventa per contrasto una creatura leggera, candida, tecnologicamente complessa ma impalpabile; il veicolo viene fuori dall’assemblaggio di fogli scritti a mano, volati via dal libretto di servizio: le algide informazioni tecniche diventano materia prima per la creatività, dando corpo a un’auto da sogno, se pur nell’immaginazione. Tra coreografie di angoli e piegature, il mondo sboccia tutt’intorno, in forma di delicata animazione grafica, facendo da cornice alla macchinina di carta. L’auto, quella vera, la vedi solo alla fine, sullo schermo di un notebook, di carta pure quello. Nello spazio breve di uno spot, il fuoristrada ha spezzato tutte le barriere, acquistando la potenza volatile della fantasia, più forte di qualunque motore. Per viaggiare above & beyond.

Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.