Una sfilza di partecipazioni a festival internazionali, dal Reykjavik International Film Festival all’AFI Film FEST di Los Angeles, da Thin Line Texas al New Directors/New Films del MoMA & Lincoln Center, fino alla nomina per lo Student Academy Awards 2013, sezione Alternative. The Pirate of Love è diretto dalla giovane artista islandese Sara Gunnasdòttir, classe ’82, già pittrice e disegnatrice, diplomatasi in Fine Arts e poi, nel 2012, in Experimental Animation presso il California Institute of the Arts di Los Angeles. Esperimento ibrido, a metà tra documentazione e cartoon poetico-surreale, il film nasce proprio come progetto per la tesi del corso di Animazione.

La storia ruota attorno alla figura di Daniel C., un musicista straniero, di cui nessuno conosce origini e identità. Un CD pieno delle sue canzoni d’amore, dedicate a una ragazza di nome Sherry, girava a Reykjavik, passando di mano in mano. Leggenda vuole che fosse stato rubato e duplicato da quattro ragazzi, appassionati della musica di Daniel C.; da allora i pezzi presero a girare, alimentando la leggenda sul misterioso autore arrivato da lontano.
Il bellissimo film di Gunnasdòttir racconta questa strana storia romantica, unendo suggestioni pittoriche e momenti di narrazione filmica. Un piccolo capolavoro tra musica, poesia e cinema…

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.