Da Tino Sehgal a Roberto Cuoghi. Ecco i favoriti della giuria: video interviste ufficiali da Venezia

Due Leoni d’Oro, un Leone d’Argento e una menzione speciale. Ecco un po’ di documentazione video sugli artisti e i curatori che hanno meritato i premi della giuria per questa 55° Biennale d’Arte

Edson Chagas - Padiglione Angola

Un video focus per conoscere meglio i vincitori della 55° Esposizione Internaizonale d’Arte di Venezia. Direttamente da BiennaleChannel, una selezione di contenuti video relativi ai premiati: Camille Henrot, Leone d’Argento per il miglior artista emergente; Tino Sehgal, Leone d’Oro come miglior artista assoluto; Padiglione Angola, Leone d’Oro come miglio Padiglione Nazionale. A questi aggiungiamo Roberto Cuoghi, a cui è andata una delle quattro menzioni speciali assegnate dalla giuria.

“Ho lavorato circa cinque mesi sulla scrittura del testo, con un poeta che si chiama Jacon Bomberg. Ho messo insieme una raccolta di miti sulla creazione e da questi miti ho selezionato dei frammenti, delle frasi che mi interessavano, e anche dei personaggi che trovavo interessanti. Poi, ho inviato tutto questo al mio amico Jacob e abbiamo cominciato a riflettere su una struttura…” (Camille Henrot)

“Penso che il XX secolo sia stato il secolo dell’individualismo e della filosofia della solitudine; e spero che nel XXI secolo saremo in grado di correggere un po’ tutto questo…” (Tino Sehgal)

“Abbiamo incontrato Edson Chagas, un giovane fotografo dell’Angola, il cui lavoro sposa veramente le nostre idee. Chagas cerca degli oggetti abbandonati nella città di Luanda, porta questi oggetti con se in giro per la città fino a trovare il posto migliore e creare un nuovo scenario. Ciò finisce così di essere pura documentazione e diventa un atto di creazione…” (Paula Nascimento, curatore del Padiglione Angola insieme a Stefano Rabolli Pansera)

“Si chiama ‘Belinda’: questa struttura è un tentativo di realizzare una pretesa di rivelazione. La rivelazione è tutto quello che ti tramortisce, ti invade, ti coglie impreparato. E quindi poi ti costringe a ripensare tutto…” (Roberto Cuoghi)

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • Angelov

    Per Guoghi senz’altro un incoraggiamento, per un artista che, dopo molti lavori impegnativi in gallerie di prestigio, ama anche sentirsi scultore, ed il lavoro esposto lo testimonia: potrebbe risultare senz’altro vincitore assoluto in una Biennale di Scenografia, se ne esistesse una…

    • Angelov

      Per Cuoghi…