Film Maker: Cesar Mezzatesta
Coordinamento e interviste: Helga Marsala
Produzione: Artribune Television

Milano, Fabbrica del Vapore, ex spazio Care Of. Nei giorni di MiArt, tra le decine di appuntamenti collaterali alla fiera, c’era anche questa performance del collettivo ZAPRUDERfilmmakersgroup. “Suite per tennis da tavolo e organo” è una partitura musicale per tavolo preparato da ping-pong e organo Farfisa: trenta minuti di gioco, in cui due atleti della FITET – Federazione Italiana Tennis da Tavolo si cimentano con una partita ininterrotta e tutta in crescendo. Senza fermarsi mai, col fiato sempre più corto e l’adrenalina che sale, l’azione è tutt’uno con il suono, mentre sono i giocatori stessi a interferire con la musica: mentre Francesco ‘Fuzz’ Brasini suona la Farfisa, le palline che colpiscono il tavolo-strumento – dotato di apposti microfoni amplificati – generano nuovi suoni, aleatori e concreti. Un rito ipnotico, che instaura una comunicazione sottile, fatta di automatismi e vibrazioni telepatiche, ma anche di reazioni lucide, di fatica fisica, di controllo cerebrale. Una giostra entropica, in cui il processo creativo rivela la sua natura mentale, muscolare, epidermica, intuitiva e razionale. Tra improvvisazione e scrittura scenica.

– Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.