Quando il cinema racconta l’arte. Quando un museo si fa spazio scenico, indagato dall’occhio della telecamera e restituito in forma di racconto. Come in questo caso: Path of Beauty è la storia di una donna e del suo piccolo tour solitario tra le monumentali sale del Louvre. Commissionato dal museo parigino e da Nintendo, diretto da Florent Igla, il film trasmette tutta l’emozione e lo stupore di un’immersione onirica tra opere d’arte straordinarie, quasi a smarrire le coordinate del tempo e dello spazio. Ad accompagnare le immagini c’è la musica avvolgente dei Sigur Ros: un canto liquido, una ballata dai suoni cristallini. Questa versione short è stata realizzata dal regista, per una diffusione indipendente sul web…

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.