Ha debuttato a novembre presso lo studio fotografico F38F – Famigliatrentottofotografi di Milano. Il programma Lost in Transition continua adesso, con un secondo step, previsto per il 13 dicembre. Un appuntamento con la musica e col video, in linea con il precedente, di cui erano stati protagonisti una star come David Thomas, leader dei Pere Ubu, e due registi come Francesco Di Loreto e Salvo Cuccia.
Stavolta al centro della serata c’è il videoclip Gernika eta Bermeo, proiettato per presentare il primo album solista di Xabier Iriondo degli Afterhours, concepito insieme all’artista visiva Valentina Chiappini. I due saranno anche protagonisti di una performance, Der Cavalhina, un mix di suoni e immagini, tra lame metalliche, strumenti a corda home made, con l’ausilio anche di vinili a 78 giri e un grammofono degli anni ’20. Ma, come nello spirito underground F38F, orientato alle contaminazioni e alle sperimentazioni, si alterneranno anche la proiezione del documentario Different Border di Francesco Di Loreto (uno dei tre fondatori di F38F, insieme a Paolo Mazzo e Mimo Visconti), con le musiche di Michael Rother e Neu, la mostra collettiva Group Show LIT 01, la performance Riverberi a cura di Giuliana Laportella e Gabriele Perretta.
Nel video la presentazione del progetto, un montaggio delle immagini del primo appuntamento e il lancio della nuova serata…

F38F – Famigliatrentottofotografi
Via Cesare Balbo 32, Milano
Giovedì 13 dicembre 2012, 19 – 22

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.