In search of Post Autonomy è la performance portata dall’artista inglese David Goldenberg, a Milano, lo scorso 25 novembre 2012: una sessione di otto ore, ospitata nello storico Palazzo Isimbardi, che completava e definiva il progetto di ricerca concettuale apertosi con la mostra “The Scenarios of Post Autonomy”, presso la galleria Glenda Cinquegrana, tenutasi nell’ottobre del 2012.
I partecipanti all’evento, assieme agli ospiti presenti on-line, sono stati invitati a meditare nell’arco di otto ore“, ha raccontato l’artista, “camminando attraverso il palazzo degli anni Trenta ed il cortile tardo quattrocentesco di Palazzo Isimbardi, con tutte le opere d’arte e le sue memorie dell’origine dell’arte della storia: in questo edificio si sono trovati in cerca di qualcosa che hanno perso, senza la consapevolezza di aver perduto qualcosa“.
Il progetto fa parte di un percorso concettuale già avviato, incentrato sull’idea di perdita come preludio a nuovi percorsi: a partire dalla crisi culturale contemporanea, dallo smarrimento di codici, appigli, valori, si attivano percorsi di riscrittura, tra spostamenti prospettici e nuove traiettorie. Il tutto sfruttando la metafora dello spazio fisico e del suo attraversamento…

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.