Yang Fudong
“Close to the Sea & The Revival of the Snake”
maggio-giugno 2012

Le opere di Yang Fudong si possono senza dubbio annoverare tra le più emblematiche della storia del cinema indipendente cinese. “Art inChina” presenta per Artribune Television il report dela sua prima mostra personale a Pechino, intitolata Close to the Sea & The Revival of the Snake, negli spazi della ShanghART Gallery & ARTMIA Gallery.

Art inChina è scritto e diretto da Claudia Brisotto
Produzione: Artribune Television

www.shanghartgallery.com
www.artmia.net

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.
  • Mario Colombo

    Grande nostalgia per lo Yang Fudong che ho visto a Venezia (2006), quello di No Snow on the Broken Bridge. Mi sembrava lontanissimo da questo repechage dell’estetica e delle temeatiche europee dei più stolidi anni settanta, quasi i peggiori Taviani…
    Spero solo che essendo The Revival of the Snake del 2005 e Close to the Sea del 2004, questa ‘retrospetiva’ sia solo il punto di inizio per rendere omaggio a un grande artista cinese che si merita di mostrare cose molto più interessanti di queste.
    Grazie a Artribune per queste immagini, ma potreste evitare la voce narrante all’Arnoldo Foa?

  • Pingback: Lago Film Fest » Archive » YANG FUDONG, VIDEOREPORT DA PECHINO()