Video di Simone Rebora

FOUR. A night with John Cage – Stazione Leopolda, Firenze
13 maggio 2012

Evento di chiusura di Fabbrica Europa 2012. Quadruplo concerto per elettronica, videoarte, petardi e innaffiatoi…

I. CAGE & DUCHAMP, con Antoine Alerini al pianoforte.

II. CAGE & VOICES, eseguito da L’Homme Armè (Monica Benvenuti, Mya Fracassini, Giovanni Biswas, Matteo Bellotto) e Tempo Reale Electroacoustic Ensemble (Francesco Canavese, Riccardo Castagnola, Luigi Mastandrea, Damiano Meacci), sotto la direzione di Fabio Lombardo.

III. CAGE & NAM JUNE PAIK, sul palco Carlo Failli (clarinetto), Duccio Ceccanti (violino), Vittorio Ceccanti (violoncello), Sergio De Simone (piano fender) e Contempoartensemble, direttore Mauro Ceccanti. Video di Nam June Paikideo di Nam June Paik.

IV. CAGE & NUMBERS, con Jonathan Faralli alle percussioni e live electronics di Francesco Giomi.

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.
  • Fabrizio Spinella

    Mancano il colore, l’aura, la seduzione, le sfumature, ovvero l’arte. Il suicidio della musica, attraverso il rumore. Non ci prendiamo in giro. Ci vorrebbe un Alberto Sordi redivivo e la sua “buzzicona a commentare l’esibizione.