riprese, montaggio e intervista: Francesco Sala
produzione: Artribune Television

Quattordici dipinti su tela, quattro dipinti eseguiti su copertine di libri d’epoca e otto disegni realizzati su pagine di vecchi libri di Medicina. E’ questo il corpus di opere al centro della personale di Gary Baseman da Antonio Colombo, a Milano.
Tutte opere create ad hoc, in cui compaiono nuovi personaggi immaginati dall’artista statunitense: figure calate dentro paesaggi zuccherosi e alieni, tra velature dark e ammiccamenti giocosi. Come un grande luna park, in cui si incrociano orrore e delizia. Il tema è la “fame”, istinto primordiale che accomuna l’uomo all’animale, metafora del suo coté più selvatico.
Ma di cosa sono affamate le strane creature partorite dalla fantasia incontenibile di Baseman? “In fondo, non cercano altro che amore e affetto. Ma la loro fame è così grande da trasformarsi in ferocia”. Il bisogno d’amore, come crudeltà. Un territorio d’indagine impegnativo, che l’artista, tra i maggiori rappresentanti del Pop Surrealism, affronta con la consueta leggerezza: tuffarsi nel suo mondo ipercromatico, sospeso tra illustrazione e fumetto, è come smarrirsi dentro una favola pittorica, attraente ma crudele, costellata di segni e simboli ambigui.

Helga Marsala

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.