riprese: Gabriele Trapani
montaggio: Manfredi Bernardini
coordinamento e interviste: Helga Marsala
produzione: Artribune Television

Con la personale di Alessandro Bazan, la Galleria d’Arte Moderna di Palermo, in collaborazione con ArsMediterranea, prosegue il suo progetto espositivo dedicato all’arte contemporanea. Moderna si articola in un percorso di circa sessanta opere, quasi tutte inedite, frutto degli ultimi anni di lavoro.
Il titolo, tra provocazione e riflessione colta, mette in gioco i concetti di modernità e contemporaneità: termini usati e abusati, dai contorni sottili e dalla portata semiotica controversa. Cosa significa oggi, per un artista, essere contemporaneo? Si tratta forse di stare dentro stilemi e manierismi del presente, cavalcando una new wave che è, in realtà, un’archeologia del trendy? E se, dentro la bolla d’incertezza in cui si muove questo tempo, tra le ceneri (presunte) della postmodernità, gli artisti tornassero a sentirsi, semplicemente, figli del Moderno?
Con la sua pittura sapiente, energica, ironica, sincopata, capace di fondere poesia della visione e leggerezza della narrazione, Bazan apre un discorso sulla condizione dell’artista oggi e sul presente e il futuro della pittura stessa… (h.m.)

Alessandro Bazan. Moderna
a cura di Francesco Gallo Mazzeo, con un contributo critico di Francesco Galluzzi
16 marzo 2012 – 30 aprile 2012
GAM – Galleria d’Arte Moderna, Palermo
www.galleriadartemodernapalermo.it

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.