Andrea Bϋttner. The Poverty of Riches
Collezione Maramotti, Reggio Emilia
12 novembre 2011 – 29 aprile 2012
www.collezionemaramotti.org

film maker: Marco Aprile
coordinamento e interviste: Helga Marsala
produzione: Artribune Television


Andrea Bϋttner, vincitrice della terza edizione del Max Mara Art Prize for Women, arriva alla Collezione Maramotti con un progetto espositivo elaborato ad hoc, durante un periodo di residenza in Italia lungo ben sei mesi. Due i temi forti intorno a cui si struttura la mostra, originando una serie di sottili connessioni concettuali e di raffinate declinazioni iconografiche: i concetti di povertà e di vergogna, centrali nella ricerca dell’artista, vengono sviscerati e problematizzati, approdando a un’estetica personale e rigorosa. Tra minimalismo e narrazione, astrazione e illustrazione, concettuale e figurativo, The Poverty of Riches ribalta l’accezione banale del termine “povertà”, servendosi di riferimenti all’Arte Povera e al Teatro Povero di Grotowski. È allora nell’essenzialità, nella nudità, nella sintesi e nella rinuncia, che Bϋttner rintraccia la via verso la vera “ricchezza”. Quella legata al sentimento del sacro, alla percezione profonda dell’altro e del sé, al rapporto autentico con il mondo e le cose.
Installazioni, xilografie e opere pittoriche su carta delineano un percorso lineare sul piano della forma, ma assai complesso dal punto di vista dei nessi teorici… (h.m.)

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è giornalista, critico d'arte contemporanea e curatore. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Oggi membro dello staff di direzione di Artribune, è responsabile di Artribune Television. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanee. È stata curatore nel 2009 dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico di SACS nel 2013, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura progetti espositivi presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali, specificamente delle ultime generazioni.