“La classe dell’Arte II”
a cura di Paola Tognon
Mercoledì 5 ottobre 2011
Centro Culturale Trevi, Bolzano

Che cos’è un’opera d’arte? Per chi è immaginata, di che cosa è fatta, quale é il suo potere e la sua funzione? Quale opera d’arte vorresti in casa tua?

Che cos’è un’opera d’arte? Quesito antico e di difficilissima (se non impossibile) soluzione. Ma come si pone l’uomo comune davanti a questa domanda? Intrappolati tra buon senso e senso comune, tra distanza e conoscenza, esposti alle sollecitazioni offerte dai capolavori che il mercato propone, siamo spesso consci dell’importanza dell’arte, ma solo di rado riusciamo a coglierne il potere simbolico, interpretativo e innovativo.
Alla fatidica domanda provano a rispondere, durante questo secondo incontro del ciclo La classe dell’arte, quattro ospiti con backgound e attività di diverso tipo. Marco Carminati, storico dell’arte e giornalista, fa riferimento a un episodio storico legato a un’icona di tutti i tempi, con un intervento dal titolo “Sbatti la Gioconda in prima pagina.1911-2011: il centenario del furto della Monna Lisa di Leonardo da Vinci”; Giuseppe Cantelli, professore di storia delle arti applicate e oreficeria a Firenze, parla di “porcellana europea nel Settecento”, studiando a partire dai manufatti d’epoca moda e gestualità della società nobiliare; Massimo Grimaldi, artista, vincitore del Premio Maxxi 2010 (Milano), interviene sul tema “Apple+Emergency. L’etica come nuova frontiera dell’estetica”, mentre Leo Andergassen, soprintendente ai beni culturali della Provincia di Bolzano, analizza lo splendido trittico di Bartlmä Dill Riemenschneider, seguendo la traccia della “narrazione dei re magi nel contesto di una nuova prospettiva del mondo”.

CONDIVIDI
Helga Marsala
Helga Marsala è critico d'arte, giornalista, notista culturale e curatore. Insegna all'Accademia di Belle Arti di Roma. Collaboratrice da anni di testate nazionali di settore, ha lavorato a lungo come caporedattore per la piattaforma editoriale Exibart. Nel 2011 è nel gruppo che progetta e lancia la piattaforma Artribune, dove ancora oggi lavora come autore e membro dello staff di direzione. Svolge un’attività di approfondimento teorico attraverso saggi e contributi critici all’interno di pubblicazioni e cataloghi d’arte e cultura contemporanea. Scrive di arti visive, arte pubblica e arte urbana, politica, costume, comunicazione, attualità, moda, musica e linguaggi creativi contemporanei. È stata curatore dell’Archivio SACS presso Riso Museo d'arte contemporanea della Sicilia e membro del Comitato Scientifico, collaborando a più riprese con progetti espositivi, editoriali e di ricerca del Museo. Cura mostre e progetti presso spazi pubblici e privati in Italia, seguendo il lavoro di artisti italiani ed internazionali.
  • il tema è certamente difficile ..ma gli interventi non l’hanno nemmeno sfiorato…