L’Arcadia in tre tentativi. Rachele Maistrello a Bologna

Gelateria Sogni di Ghiaccio, Bologna – fino al 28 novembre 2016. Il nuovo spazio espositivo bolognese ha inaugurato con la personale dell’artista veneta. Un dialogo straniante fra generazioni, in cui si mescolano fotografia e performance.

Rachele Maistrello, Arcadia. Second Attempt #2, 2016 - courtesy the artist
Rachele Maistrello, Arcadia. Second Attempt #2, 2016 - courtesy the artist

Gelateria Sogni di Ghiaccio, artist run space originato dall’azione di Filippo Marzocchi, Mattia Pajè e Marco Casella, suddivide il proprio spazio in due zone: una adibita a studio e un’altra dedicata all’esposizione, alla collaborazione, alla discussione e alla condivisione.
Lo spazio apre i battenti con il progetto Arcadia, di Rachele Maistrello (Vittorio Veneto, 1986) che si sviluppa in due momenti distinti: quello espositivo all’interno degli spazi di Gelateria e quello performativo, andato in scena a Localedue, spazio non profit bolognese.
Arcadia include First Attempt, una videoinstallazione; Second Attempt, dove prespaziati di illustrazioni scientifiche dialogano con fotografie analogiche, e Third Attempt, composto di altre due fotografie analogiche.
First Attempt risulta il nucleo centrale della mostra ed è suddivisa in sei schermi. I quattro laterali mettono in scena una situazione performativa in cui dei bambini si relazionano con i rispettivi nonni attraverso l’espediente di uno strumento musicale; l’azione si svolge all’interno di ambienti domestici che vengono però annullati dalla presenza di un fondale scenografico, file rouge dell’intera mostra, su cui sono riprodotte fotografie di volte celesti provenienti dall’archivio immagini della Nasa. Il fondale funge da dispositivo relazionale con cui i performer sono chiamati a confrontarsi, creando un forte senso di straniamento e ponendo l’attenzione del fruitore sul rapporto esistente tra loro. Nei due schermi centrali, invece, il rapporto con la famiglia viene escluso, lasciando spazio a due ragazze in età pre-adolescenziale. Anche loro sono invitate a relazionarsi con la struttura creata dall’artista, ma questa volta in un ambiente esterno, nella periferia industriale bolognese.
Rachele Maistrello tenta, tramite simboli appartenenti all’immaginario comune, come le stelle, e una netta e chiara distinzione generazionale, di creare una relazione atemporale e straniante.

/77

Bologna // fino al 28 novembre 2016
ArcadiaRachele Maistrello
GELATERIA SOGNI DI GHIACCIO
Via Tanari Vecchia 5a
334 8178646
http://gelateriasognidighiaccio.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/57708/rachele-maistrello-arcadia/

CONDIVIDI
/77
/77 è un collettivo di artisti composto da Giulia Ratti, Alessandro Moroni, Nicole Colombo e Luca Loreti. L'intento del collettivo è di realizzare collaborazioni e progetti che coinvolgano giovani artisti, senza esperienze espositive importanti alle spalle. Il nostro interesse principale è quello di stimolare un dibattito collettivo sul lavoro e la ricerca dei singoli artisti anche e soprattutto al di fuori dell’ambito espositivo. /77 si propone di essere il miglior contesto possibile in cui mostrare, documentare, progettare, confrontarsi e discutere del proprio lavoro. Il nostro interesse principale sono la sperimentazione e la ricerca. Lo spazio fisico diviene un luogo in cui le opere sono ancora in potenza, un laboratorio dove le idee sono in fase di sviluppo. Con il nostro lavoro stiamo creando un network fra artisti, opere, nonché istituzioni che mantengano sempre vivo il dibattito sull’arte contemporanea e sull’attualità. La nostra pratica consiste nel comprendere ed andare incontro alle esigenze dei giovani artisti offrendo loro la possibilità di sviluppare progetti che gli permettano di approfondire in modo significativo la loro ricerca.