Patafisica in bianco e nero. MP5 a Roma

Wunderkammern, Roma – fino al 24 marzo 2016. Da anni è attiva nel panorama underground di tutta Europa, portavoce della controcultura e della scena indipendente. Ora MP5 è nella Capitale con “Of Changes”, una mostra sulla complessità dell’esistenza.

MP5, The Lightroom, 2016
MP5, The Lightroom, 2016

L’attuale ricerca artistica di MP5 (nata a Napoli; vive a Roma) è raccontata attraverso una mostra, un intervento nello spazio pubblico, una performance e una pubblicazione ispirati all’I Ching, l’opera principe sulla divinazione cinese risalente al 1.000 a.C. Nella prefazione a quello che definisce il “monumento del pensiero cinese”, Jung scuote gli assiomi della causalità che sono alla base della scienza occidentale, smontando il pensiero deterministico e materialistico quale sistema assoluto che regola l’Universo. MP5 assorbe la filosofia di Jung e riduce le leggi di natura a mere verità statistiche, costrette ad accettare le eccezioni e ad abbracciare il caso: la realtà empirica viene interpretata attraverso le 64 sentenze dell’I Ching che esprimono i possibili stati di mutamento del cosmo e della vita umana. Il risultato è la creazione di un universo non oggettivo che ha un suo ordine interno, sì regolato da archetipi, ma aperto, perché capace di accogliere la dimensione caotica e accidentale dell’esistenza. Attraverso un originale ed essenziale linguaggio in bianco e nero – che poi è anche la sua cifra stilistica – MP5 ci avvicina a qualcosa nel suo vibrante formarsi e nel suo mutamento, qualcosa di fluido, impalpabile e trascinante come la vita stessa.

Francesca Mattozzi

Roma // fino al 24 marzo 2015
MP5 – Of Changes

a cura di Giuseppe Pizzuto
WUNDERKAMMERN
Via Serbelloni 124
06 45435662
[email protected]
www.wunderkammern.net

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/51684/mp5-of-changes/

CONDIVIDI
Francesca Mattozzi
Francesca Mattozzi nasce nel 1983 a Colleferro. Il suo primo approccio alle arti è la musica: fin da piccolissima, infatti, suona il pianoforte. Successivamente comincia a studiare ginnastica ritmica, vincendo molti premi e riconoscimenti. Dal 2003 al 2005 frequenta l'Accademia Nazionale di Danza di Roma perfezionandosi nello studio del classico, del contemporaneo e del teatro danza. Completa i suoi studi a New York, dove vince una borsa di studio presso l'Alvin Ailey School e a Parigi per studiare nelle scuole più prestigiose. Ha lavorato sia in tv che in teatro con coreografi di fama internazionale come Luca Tommassini, Mauro Astolfi e Martino Müller. Ha studiato Storia dell'arte contemporanea alla Sapienza di Roma e si è specializzata con lode in Arte Contemporanea presentando una tesi sperimentale sull’identità. Nel 2013 collabora come operatrice museale nella mostra "Tales&Things" curata da Martina Adami e Maura Favero. Attualmente, oltre a interessarsi costantemente alle nuove ricerche artistiche, è impegnata in due musical: "Peter Pan the never ending story", dove ricopre il ruolo di Tiger Lily, e "Cinderella", dove interpreta Young Furiosa.