Nel presente e nel tempo. Due giovani romani nelle Marche

Sponge Living Space, Pergola – fino al 10 aprile 2016. Punta su Leonardo Aquilino e Sacha Turchi, due giovanissime firme romane, e ribadisce il suo percorso di indagine. Con “Reliquia”, la home gallery immersa nella campagna, il “rifugio del presente” dove il tempo si ferma tra arte e natura, conferma le proprie scelte in merito a estetica e contenuti.

Sacha Turchi, Nudus Ape, 2016
Sacha Turchi, Nudus Ape, 2016

Le stagioni delle gallerie sono spesso dettate da scelte occasionali o orientate dalle tendenze di mercato: la coerenza espositiva non è una qualità facile da perseguire, ma nel casolare marchigiano è comunque garantita. Rimane alta la componente scenografica degli allestimenti (utilizzato per la prima volta il fienile, ambiente “crudo” e carico di rimandi al passato e alla vita contadina) e aleggia, come sempre, un senso di ancestrale sacralità, di trascendenza, di indagine intima, psichica e meditativa. Su due giovani artisti, presentati nell’ultima edizione di Set Up a Bologna, poggia ora la strada intrapresa da Sponge: Sacha Turchi (Roma, 1988) compie, attraverso l’uso funzionale di una cassa “sarcofago” carica di manufatti ad alto contenuto simbolico, una ricerca profonda in bilico tra biologia e antropologia; Leonardo Aquilino (Foggia, 1989; vive a Roma) isola gli attimi e li connette con lo scorrere del tempo, innestando lo scatto fotografico tecnologico con l’illuminazione naturale e atavica del fuoco vivo. Entrambi acerbi, ma vitali e determinati.

Valeria Carnevali

Pergola // fino al 10 aprile 2016
Leonardo Aquilino / Sacha Turchi – Reliquia
a cura di Stefano Verri
SPONGE LIVING SPACE
Frazione Mezzanotte 84
339 6218128
[email protected]
www.spongeartecontemporanea.net

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/51613/sacha-turchi-leonardo-aquilino-reliquia/

CONDIVIDI
Valeria Carnevali
Marchigiana, dopo la laurea in Lettere Moderne conseguita a Urbino nel 1999 con una tesi in Storia dell’Arte Contemporanea, si stabilisce a Milano lavorando per diversi anni nel settore dell’editoria d’arte e collaborando con gallerie e spazi espositivi. Tornata a Fabriano nel 2007, si laurea in Scienze della Formazione Primaria, continuando a occuparsi di arte e cultura del presente, con particolare interesse per la didattica e l’educazione all’arte (e attraverso l’arte) contemporanea. È attualmente insegnante nella scuola primaria e curatore artistico. Nel 2016 fonda l’associazione Art comes to Town. Scrive per Artribune dal 2012.