Bertille Bak a Roma. Alla radice delle storie

The Gallery Apart, Roma – fino al 23 aprile 2016. Prima la breve partecipazione nel 2012 alla collettiva “La voce delle immagini”, presso Palazzo Grassi a Venezia. Ora Bertille Bak torna in Italia con una personale in galleria.

Bertille Bak – Radice - installation view at The Gallery Apart, Roma 2016
Bertille Bak – Radice - installation view at The Gallery Apart, Roma 2016

Una mostra ambiziosa già dal titolo, Radice, che raccoglie un ventaglio di significati legati al metodo di lavoro e alla poetica artistica di Bertille Bak (Arras, 1983). Ne deriva un percorso espositivo altrettanto ricco tra video e installazioni di varia natura, concentrati sul tema dell’identità sociale; ognuno testimonianza viva delle comunità con cui l’artista va a integrarsi. L’allestimento riflette l’approccio etnografico, dominante nella ricerca dell’artista, e palesa un’attenzione particolare alla storia degli oggetti, priva di ogni implicazione nostalgica, si direbbe piuttosto scientifica. Bak restituisce realtà tra situazioni bizzarre e quotidiana routine, talvolta fuori dal tempo. Ottima la scelta curatoriale: la varietà dei lavori non confonde ma gradualmente fornisce chiavi di lettura, nuove risposte.

Gaia Palombo

Roma // fino al 23 aprile 2016
Bertille Bak – Radice
THE GALLERY APART

Via Francesco Negri 43
06 68809863

[email protected]
www.thegalleryapart.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/51514/bertille-bak-radice/

CONDIVIDI
Gaia Palombo
Gaia Palombo (Latina, 1989) consegue nel 2014 la Laurea Magistrale in Storia dell’Arte Contemporanea presso l’Università degli studi di Roma La Sapienza, con una tesi biografica e storico-critica su Donatella Landi. Nel 2012 svolge un tirocinio presso la Fondazione Pastificio Cerere, assistendo organizzazione e logistica delle mostre in corso; nello stesso anno è tra i soci fondatori del collettivo curatoriale IL MURO. Attualmente è caporedattore della rivista bimestrale indipendente di arte, filosofia e cultura visuale IL MURO. È inoltre collaboratore editoriale di Juliet Art Magazine e ATP Diary.