La materia delle api. In mostra a Palermo

Francesco Pantaleone Arte Contemporanea, Palermo – fino al 27 febbraio 2016. Un’esposizione singolare, “WAX”. In cui l’antico e il contemporaneo, il sacro e il profano si affiancano mediante opere asservite alla stessa, malleabile arte in divenire: la ceroplastica.

Loredana Sperini, Untitled, 2010
Loredana Sperini, Untitled, 2010

Quindici artisti plasmano lavori in cera, alcuni per la prima volta, esorcizzando l’ignoranza di una tecnica che limiterebbe la totale libertà di linguaggio. Vecchia ma sempre buona l’idea di un’innovazione basata sulla tradizione, il gioco di idee culturalmente già radicate ha portato ad esiti interessanti: le sculture totemiche di Michele Tiberio e Nicola Pecoraro, di una monumentalità discreta, sono forme archetipiche che sfuggono alla dimensione del tempo. Madre di Paolo Grassino, materia brulicante che sembra sciogliersi e ricomporsi, impronta di un organo ricco di umanità. Questa disciplina virtuosistica e lieve ingentilisce anche i memento mori di Bruno Ceccobelli e Luca Pancrazzi. Chen Zhen e Loredana Sperini, cromaticamente più chiassosi, invitano a indugiare sulla lucida superficie, ironizzando sulle sue stesse virtù. Adjustement di Concetta Modica è l’opera che attira maggiormente per l’intensità della resa e la soavità di espressione.

Giulia Amodeo

Palermo // fino al 27 febbraio 2016
Wax
a cura di Salvatore Davì e Francesco Pantaleone
FPAC – FRANCESCO PANTALEONE ARTE CONTEMPORANEA
Via Vittorio Emanuele 303
091 332482
[email protected]
www.fpac.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/50518/wax/

CONDIVIDI
Giulia Amodeo
Giulia Amodeo è nata a Palermo nel 1981. Nel 2004 consegue la laurea in Arte Moderna presso il Dams di Palermo con una tesi sulla lettura pittorica dei drammi shakespeariani pubblicata l’anno successivo. Dal 2006 al 2009 dirige la galleria di dipinti dell’ 800 Beatrice curandone esposizioni, redazione dei cataloghi e schede tecniche relative alle opere acquisite. Continua intanto la sua formazione completando tra il 2010 e il 2011 due master: Comunicazione dei Beni Culturali, Museali e del Territorio e Inglese tecnico per Art & Design. Dal 2005 a oggi approfondisce lo studio dell’arte contemporanea svolgendo da freelance attività di critica per testate multimediali e riviste del settore.