Polveri e confini. Maria Elisabetta Novello a Roma

Anna Marra Contemporanea, Roma – fino al 20 febbraio 2016. Un complesso di specchi, teche e luci. Riuniti dall’artista vicentina per trasmettere la palpabile bellezza della polvere.

Maria Elisabetta Novello, Paesaggi, 2015
Maria Elisabetta Novello, Paesaggi, 2015

La presenza della polvere nell’arte – per non parlare di quella che vi si posa sopra – è antica e ricorrente, a partire dai misterici allevamenti di polvere di Duchamp fino ad arrivare agli esiti più contemporanei, in cui essa diventa un elemento compositivo vero e proprio. Nel caso di Maria Elisabetta Novello (Vicenza, 1974), tale via viene battuta con suggestione e misura, attraverso lo sviluppo di un’opera complessiva che sa infondere una riflessione quieta sullo s-farsi di tempi e spazi in forme coerenti. La mostra in corso tra le sale della galleria capitolina è sicura conferma di simile talento, con una serie di lavori diversi (specchi trattati, teche, proiezioni di luce) che, rifrangendo i sopralluoghi effettuati appositamente dall’artista lungo i confini antichi di Roma, compongono un’immagine unitaria di sofisticata levità.

Luca Arnaudo

Roma // fino al 20 febbraio 2016
Maria Elisabetta Novello – Limen

a cura di Lorenzo Respi
ANNA MARRA
Via Sant’Angelo in Pescheria 32
06 97612389
www.annamarracontemporanea.it
[email protected]

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/50822/maria-elisabetta-novello-limen/

CONDIVIDI
Luca Arnaudo
Luca Arnaudo è nato a Cuneo nel 1974, vive a Roma. Ha curato mostre presso istituzioni pubbliche e gallerie private, in Italia e all'estero; da critico d'arte è molto fedele ad Artribune, da scrittore frequenta forme risolutamente poco commerciali, come raccolte di racconti, poesie, prosimetri, ma più di recente si diverte soprattutto con storie illustrate per bambini. In una vita perpendicolare è anche giurista e docente universitario, esperto di cose che qui non interessano.