Le energie luminose di Marzia Ratti. Tra neon e cibernetica

Spazio 100, Torino – fino al 16 dicembre. Un percorso di installazioni luminose al neon, apparentemente legato alla fisica quantistica, nasconde il pensiero poco ottimista di Marzia Ratti. Quello dell’uomo-macchina destinato alla programmazione eterna.

Marzia Ratti, Quantum - Spazio 100 Torino 2015
Marzia Ratti, Quantum - Spazio 100 Torino 2015

Nell’anno del centenario della teoria della relatività di Einstein, l’artista lombarda Marzia Ratti (Calcinate, 1978) elegge il pensiero quantico a motore ispiratore della propria opera. Nel tentativo di far incontrare la fisica atomica con la psicologia dell’inconscio e avvicinare l’universo con l’infinitamente piccolo. Per farlo costruisce un percorso di Energie Luminose, dove il neon si rivela solo un accessorio estetico, svelando tutt’altro al suo interno. Dietro i colorati fasci luminosi, infatti, si nasconde una realtà inquietante alla Matrix, composta da feti cibernetici pieni di cavi e microchip, come possibile fonte di energia per alimentare ipotetiche entità. Non c’è speranza né redenzione nelle sculture luminose di Ratti: dalla vita naturale dell’origine, il pensiero passa alla vita artificiale grazie alle nuove scienze biochimiche e genetiche, culminando nella riproduzione razionale e programmata dell’uomo .

Claudia Giraud

Torino // fino al 16 dicembre 2015
Marzia Ratti – Art Writes Light
SPAZIO 100
Via Oropa 100a
328 4881637
[email protected]
www.spazio100.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/49785/marzia-ratti-art-writes-light/

CONDIVIDI
Claudia Giraud
Nata a Torino, è laureata in storia dell’arte contemporanea presso il Dams di Torino, con una tesi sulla contaminazione culturale nella produzione pittorica degli anni '50 di Piero Ruggeri. Giornalista pubblicista, iscritta all’Albo dal 2006, svolge attività giornalistica per testate multimediali e cartacee di settore. Dal 2011 fa parte dello Staff di Direzione di Artribune (www.artribune.com ), è responsabile dell'area Musica e cura, per il magazine cartaceo, la rubrica musicale "Art Music". E’ stata Caporedattore Eventi presso Exibart (www.exibart.com). Ha maturato esperienze professionali nell'ambito della comunicazione (Ufficio stampa "Castello di Rivoli", "Palazzo Bricherasio", "Emanuela Bernascone") ed in particolare ha lavorato come addetto stampa presso la società di consulenza per l'arte contemporanea "Cantiere48" di Torino. Ha svolto attività di redazione quali coordinamento editoriale, realizzazione e relativa impaginazione degli articoli per l’agenzia di stampa specializzata in italiani all’estero “News Italia Press” di Torino. Ha scritto articoli e approfondimenti per diverse testate specializzate e non (SkyArte, Gambero Rosso, Art Weekly Report e Art Report di Monte dei Paschi di Siena, Exibart, Teknemedia, Graphicus, Espoarte, Corriere dell’Arte, La Piazza, Pagina).