La prima volta non si scorda mai. Dustin Pevey a Napoli

Galleria Francesco Annarumma, Napoli – fino al 30 gennaio 2016. La città partenopea accoglie il giovane artista americano al suo debutto nel Belpaese. Un’interpretazione dell’immaginario collettivo in chiave pop.

Dustin Pevey, beafinisbuthhed, 2015 - photo Danilo Donzelli
Dustin Pevey, beafinisbuthhed, 2015 - photo Danilo Donzelli

Francesco Annarumma ospita Deep Ass Thoughts, prima personale in Italia di Dustin Pevey (Marfa, 1980). Tra il filone dell’espressionismo astratto e del pop americano (Tlccb; is this a matter of fact?) il giovane texano crea un medium unico. Pevey non teme e azzarda, partendo da una stampa digitale sulla quale opera a seguire con i pennelli, come negli incredibili otnoaminfhery e locked-in man. Fra le pastose pennellate di acrilico, i dettagli digitali emergono deliberatamente sotto forma di futuristici trompe l’oeil (strange and unproductive thinking). Il soggetto? La frantumazione dello stesso. Elementi dell’immaginario collettivo vengono riproposti, lacerati e ricostituiti, privati del nesso immagine-contenuto. Il linguaggio ordinario è alienato e il paradosso trionfa. La gagliarda sperimentazione di Dustin Pevey non si dimentica facilmente. La testa prova a ricomporre, e il cuore conserva, ciò che gli occhi vedono.

Eleonora Angela Maria Ignazzi

Napoli // fino al 30 gennaio 2016
Dustin Pevey – Deep Ass Thoughts
FRANCESCO ANNARUMMA
Via del Parco Margherita 43
081 0322317
[email protected]
www.annarumma.net

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/49846/dustin-pevey-deep-ass-thoughts/

CONDIVIDI
Eleonora Angela Maria Ignazzi
Eleonora Angela Maria Ignazzi (Putignano, 1982). Pugliese di origine, si trasferisce a Firenze per proseguire gli studi in Storia dell’Arte, con una tesi specialistica in Storia dell’Architettura Medievale. Durante gli anni a Firenze viaggia fra Europa e Stati Uniti, dove vive per alcuni anni, frequentando corsi di approfondimento alla Georgetown University. Negli Stati Uniti inizia ad appassionarsi e ad approfondire lo studio dell’arte e dell’architettura moderna e in particolare di quella americana post ‘900. Nel frattempo collabora con gallerie di arte moderna e contemporanea in Italia e in Europa. Coordinatrice di progetti artistici e condirettrice di un programma di residenza per artisti in Salento; attualmente divide la sua vita fra Firenze e New York, sostando quando possibile nella sua amata terra d’origine.