A Bari, l’essenza della quotidianità nelle chine di Beppe Biagi

Museo Nuova Era, Bari – fino al 9 gennaio 2016. Bellezza della natura e quotidianità dell’essere umano: sono questi i soggetti ricorrenti nelle chine del pittore toscano Beppe Biagi. Appunti di viaggio raccolti negli ambienti della galleria barese.

Beppe Biagi - Appunti di ordinaria umanità - veduta della mostra presso il Museo Nuova Era, Bari 2015
Beppe Biagi - Appunti di ordinaria umanità - veduta della mostra presso il Museo Nuova Era, Bari 2015

Un’esposizione rigorosa, quella che vede protagonista Beppe Biagi (Viareggio, 1949) in terra barese. L’artista toscano presenta su grandi fogli di carta indiana scene di vita vera. I dipinti a china ricordano fotografie in bianco e nero che raccontano attimi di un tempo passato, in bilico tra il vissuto e il sogno. I suoi Appunti di ordinaria umanità ritraggono l’esistenza quotidiana nelle scene descritte con delicata suggestione. La riviera di Viareggio diventa così una scenografia entro la quale si svolgono le azioni dei personaggi scrutati da lontano, mentre l’essenzialità della scena milanese è descritta attraverso linee semplici e una ricca scala di grigi. Ma nei quaderni d’artista ritroviamo anche numerosi cani, resi con una forte valenza descrittiva e un’installazione su cui si adagiano, lievemente, decine di uccellini in gabbia. La bellezza dei sentimenti viene così presentata attraverso la minuziosa osservazione di attimi e l’intimità dei gesti raccontata in una sorta di attenta geometria dove il protagonista assoluto è l’attimo, fermato nella risolutezza dei soggetti raffigurati, sospesi nello spazio e nel tempo.

Isabella Battista

Bari // fino al 9 gennaio 2016
Beppe Biagi – Appunti di ordinaria umanità
MUSEO NUOVA ERA
Strada dei Gesuiti 13
080 5061158
[email protected]
www.museonuovaera.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/50712/beppe-biagi-appunti-di-ordinaria-umanita/

CONDIVIDI
Isabella Battista
Classe 1985, Isabella Battista vive a Bari. Laureata in Storia dell’Arte all’Università degli Studi di Bari, è giornalista pubblicista dal 2013. Con una forte propensione alla didattica museale e artistica, ha collaborato con diverse istituzioni con progetti per sensibilizzare il pubblico più giovane nei confronti dell’arte contemporanea e far partecipare attivamente gli studenti alla comprensione delle più moderne tecniche artistiche. Dal 2011 è membro delle redazioni di Puglia In e Artsob, mentre nel 2013 è stata coordinatrice della prima edizione della Project Room della Fondazione Museo Pino Pascali di Polignano a mare. Ama l’arte in tutte le sue forme, in particolare la fotografia e il linguaggio visivo contemporaneo a cui si sta appassionando anche praticamente e, appena ha l’occasione di partire, va alla ricerca di nuove realtà, esplorandole sia dal punto di vista culturale che artistico.