A Genova l’open source si applica alla videoarte

Space 4235, Genova – fino al 29 novembre 2015. Dalla Norvegia a Genova, con la videoarte e la fotografia. In un progetto aperto e in divenire.

Open Video - Space 4235, Genova 2015 - Skylstad
Open Video - Space 4235, Genova 2015 - Skylstad

Open Video è un’esperienza in sharing che conta la produzione di quasi trenta artisti visivi di caratura internazionale e che propone una lunga raccolta di proiezioni video, condivisa interpretando la pratica dell’open source, dalla quale prende nome il progetto, curato dalla videoartista norvegese Janne Talstad.
La filosofia dell’open video prevede la libertà da parte di curatori e artisti di modificare e utilizzare il materiale in base alle naturali esigenze del momento, partendo da una materia prima la cui assenza di un “un centro, un ordine e una cronologia” determina la poetica di tutto il lavoro, oltre che il suo significato di partenza e il suo contenuto in divenire. È quindi l’adattabilità che vive alla base di questo lavoro a rendere possibile la convivenza di Open Video con le due brevi serie fotografiche analogiche intitolate Débris – dal creolo ‘detriti’ –, nate da una collaborazione fra Talstad e Kristian Skylstad e che propongono una ricerca socio-documentaristica su spazi e atmosfere in territori la cui muta e indeterminata precarietà è il concept di un racconto espositivo complesso e vulnerabile.

Maura Ghiselli

Genova // fino al 29 novembre 2015
Open Video
a cura di Janne Talstad
SPACE 4235
Via Goito 8

[email protected]
www.space4235.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/49400/open-video/

CONDIVIDI
Maura Ghiselli
Maura Ghiselli, nata a Genova nel 1981. Vive tra la sua città e Milano. Si laurea in Arti Visive e Discipline dello Spettacolo all’Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova. Ha frequentato corsi di Storia dell’Arte e Antropologia Culturale presso l’Università Miguel Hernandez di Alicante e ha ultimato il suo percorso formativo post-universitario seguendo un master all’Istituto Europeo di Design e un Master alla Fondazione FORMA per la Fotografia, entrambi a Milano. Collabora per diversi anni con la galleria d’arte contemporanea Satura Art Gallery a Genova, come curatrice e critico d’arte (tra le mostre curate la Rassegna Il Muro, presso Mikalojus Konstantinas Čiurlionis National Art Museum di Kaunas, Lituania, con il patrocinio del Mikalojus Konstantinas Čiurlionis National Art Museum e Istituto Italiano di Cultura Vilnius e la Rassegna Volando con la Gazza Ladra, presso Palazzo Ducale di Genova, in collaborazione con la Fondazione per la Cultura Genova Palazzo Ducale). Collabora anche con Studio44, un’altra galleria del circuito genovese, per la quale cura la critica relativa ad alcuni eventi. Dal 2011 recensionista per Exibart, nel 2014 passa ad Artibune.