Tessuti e arte contemporanea. In Sicilia

Fondazione La Verde La Malfa, San Giovanni La Punta – fino al 30 ottobre 2015. La fondazione siciliana inaugura una sezione permanente di abiti d’epoca, realizzati dal 1870 al 1915. E in contemporanea ci sono le tessiture contemporanee.

Francesca Pasquali, Plastic plot, 2015, trucioli di pvc e teflon intrecciati
Francesca Pasquali, Plastic plot, 2015, trucioli di pvc e teflon intrecciati

Tessiture Contemporanee è una curiosa e interessante esposizione che vede i tessili e i “materiali” della moda applicati all’arte contemporanea, in particolare alla scultura e agli interventi site specific. La mostra riunisce le opere di quattro artisti italiani: Paola Anziché, Alberto Gianfreda, Francesca Pasquali e Laura Renna. Una decina di opere di grandi dimensioni, alcune concepite per l’esposizione, permettono di riflettere sulla connessione tra la contemporaneità e la tradizione, e soprattutto sull’innovazione dei materiali comunemente adoperati nella moda e dei relativi processi creativi che ne seguono. Scopriamo così come le tecniche tradizionali della filatura, dell’intreccio, della tessitura e della cucitura siano in grado di plasmare forme estetiche a passo con i tempi.

Calogero Pirrera

San Giovanni La Punta // fino al 30 ottobre 2015
Tessiture Contemporanee
a cura di Ilaria Bignotti
FONDAZIONE LA VERDE LA MALFA
Via Sottotenente Pietro Nicolosi 29
095 7178155
[email protected]
www.fondazionelaverdelamalfa.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/45769/tessiture-contemporanee-sezione-dabiti-depoca/

CONDIVIDI
Calogero Pirrera
Calogero Pirrera (1979) è uno storico dell’arte specializzato in arte moderna e contemporanea, videoarte, didattica museale e progettazione culturale. Vive attualmente a Roma. Ha collaborato con la cattedra di Istituzioni di Storia dell’Arte della Facoltà di Architettura di Valle Giulia, con alcune gallerie come Il Ponte Contemporanea e LipanjePuntin, oltre che con Festarte – Festival Internazionale di VideoArte, che lo vede impegnato nella mappatura globale dei festival di videoarte con la rubrica “International Contest”. Ha all’attivo alcune pubblicazioni che indagano l’arte antica come quella contemporanea. Tra le mostre curate si ricorda "Il Duomo di Milano dalla Lombardia all’Europa", ospitata presso il Duomo meneghino nel 2005 e il relativo catalogo. Ha scritto e scrive per EosArte, TribeArt e Artribune.