(Nothing but) flowers. Luca Bertolo a Pistoia

SpazioA, Pistoia – fino al 24 ottobre 2015. L’arte metalinguistica di Luca Bertolo approda al motivo classico della natura morta. In una mostra che ribadisce il carattere colto e inappuntabile della sua ricerca.

Luca Bertolo, Bandiera (flag) #19, 2015
Luca Bertolo, Bandiera (flag) #19, 2015

Luca Bertolo (Milano, 1968) propone lavori – per lo più pittorici – metalinguistici, autoreferenziali (nel senso tecnico del termine), che affrontano il concetto di rappresentazione, problematizzandolo. Con le sue opere sembra di essere di fronte a dei Ryman illustrati, o a dei Magritte consapevoli di quanto avvenuto nel secondo Novecento. È una ricerca colta, dai risultati quasi sempre inappuntabili; accademici, certo, ma con la maiuscola. (Accademici perché lungo l’asse Seurat-Ryman, in un secolo e più, di quadri che riflettono esplicitamente su se stessi se ne sono realizzati tanti.) La mostra attualmente in corso da SpazioA, pur variegata, è caratterizzata dall’insistenza su un motivo specifico: quello – antico – della natura morta. Sono i suoi lavori probabilmente più estremi, e più nudi. I più felici sono quelli meno esplicativi. Guardandoli si ha la sensazione di un approdo, ma anche di un possibile snodo verso nuovi e sorprendenti orizzonti.

Pericle Guaglianone

Pistoia // fino al 24 ottobre 2015
Luca Bertolo – Guerre Pace

SPAZIO A
Via Amati 18
0573 977354
[email protected]
www.spazioa.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/47910/luca-bertolo-guerre-pace/

CONDIVIDI
Pericle Guaglianone
Pericle Guaglianone è nato a Roma negli anni ’70. Da bambino riusciva a riconoscere tutte le automobili dalla forma dei fanali accesi la notte. Gli piacevano tanto anche gli atlanti, li studiava ore e ore. Le bandiere erano un’altra sua passione. Ha una laurea in storia dell’arte (versante arte contemporanea) ma è convinto che nessuna immagine sia paragonabile per bellezza a una carta geografica. Da qualche anno scrive appunto di arte contemporanea e ha curato delle mostre. Ha un blog di musica ma è un pretesto per ingrandire copertine di dischi. Appena può si fionda in qualche isola greca. Ne avrà visitate una trentina.
  • Alex Gianotti

    Aspettiamo con fiducia i nuovi e sorprendenti orizzonti!!