Chiavacci e Morellet. Dialogo a distanza

Die Mauer, Prato – fino al 17 novembre 2015. Nessun legame diretto nelle loro biografie. Pistoiese e impiegato di banca l’uno, francese e industriale l’altro. Entrambi però calati nel Novecento dell’arte. Ora Chiavacci e Morellet sono in mostra in Toscana, fianco a fianco.

Gianfranco Chiavacci - François Morellet – rigorosi rigolards - veduta della mostra presso Die Mauer, Prato 2015
Gianfranco Chiavacci - François Morellet – rigorosi rigolards - veduta della mostra presso Die Mauer, Prato 2015

Gianfranco Chiavacci (Pistoia, 1936-2011) e François Morellet (Cholet, 1926) in vita non si sono conosciuti, eppure i loro lavori, esposti a Prato alla Galleria Die Mauer, creano un dialogo approfondito. Sembra di potere coglier dei fili rossi, delle affinità, che danno vita a un unicum perfettamente equilibrato. Di Chiavacci – un impiegato di banca sui generis, che ha dedicato la propria esistenza alla ricerca sui diversi linguaggi dell’arte, partendo tuttavia dal mondo del calcolo elettronico e del codice binario – sono in mostra soprattutto opere fotografiche sperimentali, in bianco e nero. Sugli stessi toni, con forme compenetranti sono le opere del quasi novantenne Morellet, che sino al 1975 ha gestito l’attività industriale di famiglia e che ha spinto la sua indagine artistica, per la quale ha utilizzato anche elementi tecnologici, a risultati radicali, che giungono all’essenza dei fenomeni.

Angela Madesani

Prato // fino al 17 novembre 2015
Gianfranco Chiavacci / François Morellet – rigorosi rigolards
a cura di Alessandro Gallicchio
DIE MAUER
Via Firenzuola 33/37
348 2493640
meri@diemauer.it
www.diemauer.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/47891/gianfranco-chiavacci-francois-morellet-rigorosi-rigolards/

CONDIVIDI
Angela Madesani
Storica dell’arte e curatrice indipendente, è autrice, fra le altre cose, del volume “Le icone fluttuanti. Storia del cinema d’artista e della videoarte in Italia”, di “Storia della fotografia” per i tipi di Bruno Mondadori e di “Le intelligenze dell’arte” (Nomos edizioni). Ha curato numerose mostre presso istituzioni pubbliche e private italiane e straniere. È autrice di numerosi volumi di prestigiosi autori fra i quali: Gabriele Basilico, Giuseppe Cavalli, Franco Vaccari, Vincenzo Castella, Francesco Jodice, Elisabeth Scherffig, Anne e Patrick Poirier, Luigi Ghirri. Ha recentemente curato un volume sugli scritti d’arte di Giuseppe Ungaretti. Insegna all’Accademia di Brera e all’Istituto Europeo del Design di Milano.