Big up for the bic-art. Jan Fabre a Roma

Magazzino d’Arte Moderna, Roma – fino al 10 novembre 2015. Jan Fabre, il guerriero dell’in-between, porta nella Capitale un ventennio di ossessioni. Tutte legate alla Bic-Art.

Jan Fabre, Northern Slope, Malung La (Tibet), 1989 - dalla serie Mountain tops
Jan Fabre, Northern Slope, Malung La (Tibet), 1989 - dalla serie Mountain tops

Spudorato iconoclasta, esilarante spirito belga che affronta il tempo anacronisticamente. Jan Fabre (Anversa, 1958) presenta per la prima volta sulla scena capitolina la serie di lavori Bic-Art, produzione caratteristica degli Anni Ottanta e Novanta. L’ossessione diviene una componente patologica nel processo creativo di Fabre, che sente il peso dell’artista romantico con una missione: salvarci dalla Big Art. E lo fa come un peccatore che non si redime, con in mano una bic. Il tratto piccolo e nevrotico diventa seriale e richiama la silhouette dello scarabeo, l’insetto che affascina l’artista, totalmente catturato dalla metamorfosi nelle sue declinazioni e dall’ora crepuscolare. Hour Blue, il libro dell’entomologo Jean-Henri Fabre, genera tutta la riflessione intorno all’ora blu e intorno al disegno.

In modo non usuale, Jan Fabre pensa al disegno come espansione e non come gradini a cui necessariamente consegua qualcosa di più “alto”. Il ventennio qui in mostra è l’inclusione di temi irrinunciabili all’icona che oggi è Fabre: demoni legati alla simbologia medievale, l’amore per gli insetti, l’arte fiamminga di Rops, la religione, l’iconoclastia sessuale. L’ironia spietata e fintamente misurata è l’inno dell’artista belga alla spinta generatrice dell’arte che, attraverso la piccola serie di quattro fotografie, Mountain tops (mai esposte), tocca le vette del raggiungibile.

Eleonora Milani

Roma // fino al 10 novembre 2015
Jan Fabre – Gli anni dell’Ora Blu
MAM – MAGAZZINO D’ARTE MODERNA
Via dei Prefetti 17
06 6875951
[email protected]
www.magazzinoartemoderna.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/48729/jan-fabre-gli-anni-dellora-blu/

CONDIVIDI
Eleonora Milani
Storica dell’arte (1987), vive a Roma. Laureata in Storia dell’Arte Contemporanea all’Università Sapienza di Roma, frequenta il CAF in Curatore Museale e di Eventi presso l’Istituto Europeo di Design di Roma. Ha collaborato nel 2012 presso l’Ufficio Registrar della Galleria Nazionale d’arte Moderna (Roma) e nell’anno 2014-2015 ha collaborato al blog “Stepinwriteout” di Manuela Pacella. Interessata alla ricerca nell’ambito dell’arte contemporanea e della critica d’arte americana, conclude i suoi studi con una tesi sperimentale sull’arte di Gilad Ratman al Padiglione Israele alla 55. Biennale di Venezia.
  • Angelov

    Ma questo video è una provocazione: una ragazza la cui voce è completamente coperta dal frastuono delle voci di sottofondo e che gesticolando cerca di spiegare ad un/a ascoltatore/trice qualcosa che riguarda un’opera esposta.
    Praticamente incomprensibile, salvo il senso di snobismo (culturale) che pervade l’intera operazione…