Retrospection: 4 artisti, 4 elementi, 1 unico ambiente

Castello Carlo V, Lecce – fino al 6 settembre 2015. Nella Sala d’Enghien trovano spazio le opere site specific di Giuseppe Capitano, Eva Caridi, Davide Coltro e Daniele D’Acquisto. Nel centro del capoluogo salentino, corale progetto espositivo promosso da Theutra, Oasimed e Novamusa, A100 Gallery di Galatina e Gagliardi Art System di Torino diviene rinnovamento culturale nella consolidata offerta turistica leccese.

Retrospection - Giuseppe Capitano - Castello Carlo V, Lecce 2015 - Courtesy A100 Gallery, Galatina
Retrospection - Giuseppe Capitano - Castello Carlo V, Lecce 2015 - Courtesy A100 Gallery, Galatina

Quattro gli artisti che dialogano e innescano, attraverso differenti linguaggi scultorei, un elegante processo meditativo che da un lato guarda con rispetto alla tradizione artistica dell’arte contemporanea e dall’altro rinnova, con deciso spirito di ricerca, le moderne tendenze sperimentali.
Daniele D’Acquisto (Taranto, 1978) si confronta fisicamente con il suono realizzando dei “monoliti” sonori. Questi lavori, tratti dalla serie GoRe, sono dense opere tridimensionali che sintetizzano in forma concreta, la dimensione sonora di una serie di tracce musicali. I Quadri elettronici di Davide Coltro (Verona, 1967) sono vere e proprie nature “vive” multimediali, che improvvisamente s’animano mutando l’impaginazione figurativa; attraverso questo processo artistico e tecnologico Coltro riesce, anche a distanza, a realizzare un’opera in continuo divenire.

Retrospection - Daniele D'Acquisto - Castello Carlo V, Lecce 2015 - Courtesy GAS, Torino
Retrospection – Daniele D’Acquisto – Castello Carlo V, Lecce 2015 – Courtesy GAS, Torino

I lavori di Giuseppe Capitano (Campobasso, 1972) nascono dalla casualità del paesaggio naturale, dalla terra, dalle forme geometriche animali e da quelle organiche. L’artista, sulla base di esperienze personali, esegue grandi e piccole sculture, simboli arcaici che divengono semplici tracce di vita. Eva Caridi (Corfu,1972), che indaga quasi con procedimento antropologico l’attuale condizione dell’uomo, elabora suggestive installazioni dove la componente teatrale coinvolge gli elementi magici ed enigmatici della metafisica. In questo percorso le singole personalità divengono aria, acqua, terra e fuoco, elementi tangibili di un micro-mondo chiamato Retrospection.

Giuseppe Amedeo Arnesano

Lecce // fino al 6 settembre 2015
Retrospection
a cura di Lorenzo Madaro
CASTELLO CARLO V
Viale XXV luglio
www.a100gallery.it
www.gasart.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/46811/retrospection/

CONDIVIDI
Giuseppe Arnesano
Storico dell'arte e curatore indipendente. Laureato in Conservazione dei Beni Culturali all'Università del Salento e in Storia dell'Arte Moderna presso l'Università La Sapienza di Roma. Ha conseguito un master universitario di I livello alla LUISS Master of Art di Roma. Giornalista pubblicista, iscritto all'ordine nazionale dei giornalisti dal 2011, collabora come critico d’arte con Artribune dal 2011. Nel settore della comunicazione culturale, dal 2013 a oggi, ha lavorato con la Soprintendenza Speciale del Polo Museale Romano, con la Fondazione Torino Musei e la Fondazione Carriero a Milano. Tra le mostre recenti è co-curatore del progetto “Studio e Bottega - Tradizione e Creatività nel segno dell’Arte”, ideato da Ilaria Gianni e realizzato negli spazi della Fondazione Pastificio Cerere di Roma.