Un’indagine sulla luce. Lunga cinque anni

Palazzo Parissi, Monteprandone – fino al 24 agosto 2015. Per la quinta edizione di “Accesa! Arte Illuminata” c’è “FormAzioni della luccicanza”. Per le cure di due firme di Artribune.

FormAzioni della luccicanza - Anna Messere, Cumulo - photo Emanuela Amadio
FormAzioni della luccicanza - Anna Messere, Cumulo - photo Emanuela Amadio

Monteprandone, il borgo medievale marchigiano che ha dato i natali a San Giacomo della Marca, diventa per un mese il luogo ideale dove storia, sacro e profano si incontrano e si mescolano attorno al tema della luce. La quinta edizione di Accesa! Arte Illuminata promossa dallo SpaziomOHOc di Nazareno Luciani, grazie alla prestigiosa collaborazione del Goethe Institut di Monaco e altri sponsor locali, entra nel vivo con la mostra FormAzioni della luccicanza.
Polyxeni Angelidou, Barbara Baroncini, Ado Brandimarte, Bruno Cerasi, Dehors/Audela, Anna Messere, Federica Simonetti filtrano, attraverso diversi medium e la creazione di opere site specific, un tema che si presta a infinite interpretazioni. Il risultato corale di ricerca dell’elemento luce non soffoca i differenti sguardi artistici, che diventano metafora della condizione interiore dell’individuo. La mostra FormAzioni, una duplice indagine delle forme e delle azioni della luccicanza, pone lo spettatore di fronte a opere che da un lato dialogano con l’architettura del palazzo storico e dall’altro pongono interrogativi sulla manifestazione dell’essere intesa come “luce interiore”.

Federica Mariani

Monteprandone // fino al 24 agosto 2015
Accesa! Arte Illuminata 2015 – FormAzioni della luccicanza
a cura di Claudia Fiasca e Martina Lolli
PALAZZO PARISSI
Vicolo della Dama
328 7180203
[email protected]

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/46917/formazioni-della-luccicanza/

CONDIVIDI
Federica Mariani
Classe 1982 (Senigallia -AN), nel 2006 consegue la laurea specialistica all'Università Ca' Foscari di Venezia con una tesi di ricerca sulla Fototeca ASAC della Biennale di Venezia, successivamente parte per la Francia. Frequenta il Master in Management dei Beni e delle Attività Culturali all'École Supérieure de Commerce lavora per il Centro d'Arte Digitale Le Cube e la galleria Alberta Pane a Parigi, dove sposa la filosofia di sostenere i giovani artisti. Attualmente lavora nel Social Media Team della Fondazione Marche Cinema Multimedia. Nelle Marche sta portando avanti una crociata per sviluppare l'humus dell'arte contemporanea cura mostre e collabora all’organizzazione di eventi e festival multidisciplinari, coniugandoli con l'attività di ufficio stampa. È giornalista dal 2006, scrive e realizza interviste sul mondo underground degli artisti emergenti.