Oltre il significato della scrittura. Con Irma Blank a Milano

Lucie Fontaine, Milano – fino al 6 giugno 2015. È con delicatezza che i fogli di carta utilizzati come supporto si aprono sulle pareti della galleria. Laddove i toni del rosa consentono una scrittura silente.

Irma Blank, Radical Writings, Racconto, doppia pagina n.6, 1983 - Courtesy the artist & P420, Bologna
Irma Blank, Radical Writings, Racconto, doppia pagina n.6, 1983 - Courtesy the artist & P420, Bologna

Lucie Fontaine espone, con il sostegno della Galleria P420 di Bologna, i Pink Writings, acquerelli su carta estrapolati dalla serie più vasta Radical Writings di Irma Blank (Celle, 1934; vive a Milano). Le opere sono state realizzate tra il 1983 e il 1986, periodo in cui l’artista, dopo un lungo lavoro svolto sulla scrittura come significante, molto prima che come significato, si focalizza sull’equilibrio del segno: “Ogni segno risponde al ritmo della respirazione”, afferma lei stessa. Una riproposta, dopo gli Eigenschriften, di una scrittura che abolisce la lingua e il pensiero, sorpassandoli. Una scrittura, cioè, che in qualche maniera scrive il vivere stesso, fisico, della Blank e che fa della ripetizione non un’ossessione ma un metodo. Quello che conduce dall’inizio alla fine, quello che permette di tornare e di tornare a fare. Da sinistra a destra la pittura si allunga senza forzature, attraverso un colore intimo e fecondo, vicino alla carne.

Lucia Grassiccia

Milano // fino al 6 giugno 2015
Irma Blank – Pink Writings
LUCIE FONTAINE
Via Rinaldo Rigola 1
349 5385985
[email protected]
www.luciefontaine.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/43667/irma-blank-pink-writings/

CONDIVIDI
Lucia Grassiccia
Lucia Grassiccia è nata a Modica (RG) nel 1986. Dopo una formazione tecnico-linguistica ha studiato presso l’Accademia di belle arti di Catania, dove ha contribuito a fondare e dirigere un webzine sperimentale (www.hzine.it) gestito da un gruppo di allievi dell’accademia. Per hzine ha svolto principalmente attività di giornalista, titolista, editing. Dal 2008 scrive saltuariamente per il quotidiano web locale Nuovascicli Ondaiblea, soprattutto recensioni su libri e mostre. Nel 2010 inizia la collaborazione con Exibart che a breve si sospende e prosegue con la redazione di Artribune. Cura saltuariamente i testi critici per alcune associazioni e gallerie (vedi The White Gallery, Milano). Nel 2013 pubblica il romanzo ebook Elevator (Prospero Editore) e inizia a collaborare occasionalmente con la rivista Look Lateral. Nello stesso anno completa gli studi in arteterapia clinica presso la scuola Lyceum Vitt3. Attualmente vive a Milano.