Gianni Colombo e il suo ultimo ambiente. Ricreato a Milano

A arte Studio Invernizzi, Milano – fino al 16 luglio 2015. Gli spazi si trasformano in una scacchiera. Di luci e ombre, di mosse e moti, di rotazioni e incidenze. E Gianni Colombo torna a Milano, grazie all’Archivio curato da Marco Scotini.

Gianni Colombo – L’ultimo ambiente - veduta della mostra presso A arte Studio Invernizzi, Milano 2015
Gianni Colombo – L’ultimo ambiente - veduta della mostra presso A arte Studio Invernizzi, Milano 2015

L’ultimo ambiente rievoca a Milano l’ultima personale di Gianni Colombo (Milano, 1937 –  Melzo, 1993) allestita tra il 1992 e il 1993 presso la Galerie Hoffmann a Friedberg. L’itinerario offre numerose testimonianze delle ultime ricerche fisiche ed estetiche dell’artista milanese, fra Spazio diagoniometrico, paesaggio al piano inferiore, Bariestesia e oltre. Quest’ultimo intervento destabilizza l’ingresso del visitatore, che si trasforma immediatamente, fin dal primo passo in galleria, in spettatore. Di fronte agli scalini inclinati di dieci gradi sul lato destro e dieci sul lato sinistro, le pendenze falsate rendono ogni passo un pensiero a-meccanizzato, offrendosi come soglia percettiva di un raggiungimento. Nel piano mezzanino, infatti, l’ultimo lavoro di Colombo, Opus incertum, ristabilisce l’instabilità dei principi percettivi e del disorientamento, assieme a due lavori appartenenti al ciclo dello Spazio curvo, che si compongono di strutture metalliche circolari in movimento.

Ginevra Bria

Milano // fino al 16 luglio 2015
Gianni Colombo – L’ultimo ambiente
a cura di Marco Scotini
A ARTE STUDIO INVERNIZZI
Via Scarlatti 12
02 29402855
[email protected]
www.aarteinvernizzi.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/45108/gianni-colombo-lultimo-ambiente/

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.