Joe Clark esordisce in Italia. Da Iannelli a Roma

Galleria Mario Iannelli, Roma – fino al 30 maggio 2015. Una selezione di opere fotografiche e un video di dieci minuti. Per comprendere il seducente inganno che si cela nel potenziamento tecnologico dell’immagine.

Joe Clark – Shallow Pool - Galleria Mario Iannelli, Roma 2015
Joe Clark – Shallow Pool - Galleria Mario Iannelli, Roma 2015

Shallow Pool è il nome scelto da Joe Clark (1982) per la sua prima esposizione in Italia. Solo una piscina d’acqua bassa, dalla superficie cristallina, può rendere l’idea di ciò che si cela dietro l’immagine contemporanea: l’apparenza di una profondità che non c’è. Un titolo evocativo, quello di Clark che nelle opere esposte in galleria riesce a mettere a fuoco l’equivocità dell’immagine che si sdoppia tra mondo analogico e digitale. Ricreando manualmente ciò che normalmente viene originato all’interno di uno spazio digitale, gioca con gli specchi e riflessi a ricreare una realtà che non esiste.

Flavia Zarba

Roma // fino al 30 maggio 2015
Joe Clark – Shallow Pool
MARIO IANNELLI
Via Flaminia 380
06 89026885
[email protected]
www.marioiannelli.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/43925/joe-clark-shallow-pool/

CONDIVIDI
Flavia Zarba
Nata ad Anzio nel 1985, Flavia Zarba è una giovane giornalista laureata in Giurisprudenza presso la Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Dopo tanti anni di accurati studi giuridici, inizia la sua esperienza giornalistica lavorando per Romapost magazine online, dove, oltre ad occuparsi di articoli e recensioni, diventa responsabile della sezione arte-cultura-spettacoli. Come curatrice, la sua attenzione si focalizza soprattutto sull'analisi critica degli eventi, senza tralasciare i dettagli e le curiosità biografiche. Attualmente, oltre a collaborare con Artribune e Romapost si occupa di giornalismo investigativo d'inchiesta curando reportage con IRPI, investigative reporting project Italy, una rete di giornalisti freelance di inchieste giornalistiche.