Dialogo sul paesaggio. Da Londra a Matèria, una nuova galleria romana

Matèria, Roma – fino al 16 maggio 2015. Inaugura con un progetto editorial-fotografico una nuova galleria capitolina. Una riflessione sul paesaggio proposta da Dafna Talmor, Emma Wieslander e Minna Kantonen, con special guest Marco Strappato.

Emma Wieslander, Untitled #4, Wish You Were Here series, 2010
Emma Wieslander, Untitled #4, Wish You Were Here series, 2010

Da un po’ di tempo sembra di vivere in un nuovo Settecento, tanto il paesaggio è di nuovo al centro delle speculazioni e delle ricerche degli artisti. Certamente oggi l’installazione, la fotografia, perfino la performance hanno individuato infiniti percorsi per questo tema. Attraversare lo spazio, abitarlo, non basta più per capirlo a fondo. On landscape è la seconda edizione di un progetto che vuole trasporre il paesaggio da un’esistenza fisica a una metafisica, ponendolo al centro di una riflessione sulla sua relazione con le tradizioni, le convenzioni, le idee precostituite. I lavori fotografici di Dafna Talmor, Emma Wieslander e Minna Kantonen, fondatrici del progetto, e di Marco Strappato, condividono lo spazio della galleria con una selezione di quarataquattro prodotti editoriali che danno conto di un dialogo ricchissimo e potenzialmente infinito. Davvero, da Matèria, sfiora grandi altezze capaci di coniugare poetica e visione.

Chiara Ciolfi

Roma // fino al 16 maggio 2015
On Landscape #2
MATÈRIA
Via Tiburtina 149
[email protected]
www.materiagallery.com
www.onlandscapeproject.co.uk

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/43736/on-landscape-2/

CONDIVIDI
Chiara Ciolfi
Chiara Ciolfi (Roma, 1987) è laureanda in Storia dell’Arte presso l’Università di Roma La Sapienza. Si interessa di arte contemporanea in tutte le sue forme, con un accento particolare sull’editoria e le riviste di settore. Ha collaborato con Exibart dal 2008 al 2011 fino all’avvento dell’ “era Artribune”. Attualmente sta costruendo il suo percorso tra stage e collaborazioni con fondazioni orientate alla ricerca (Nomas Foundation) e gallerie collaudate (Gagosian Gallery), con il sogno di farne un lavoro vero.