Scambi di ruolo tra parola e immagine. A Venezia

Venezia, Magazzino del Sale 3 – fino al 19 aprile 2015. Uno degli storici edifici lagunari è teatro di una densa collettiva giocata sul duttile confine tra immagine e parola. Un focus sul rapporto ancestrale che unisce attitudine visiva e sforzo semantico.

Verbovisioni - Veduta della mostra presso il Magazzino del Sale 3, Venezia 2015
Verbovisioni - Veduta della mostra presso il Magazzino del Sale 3, Venezia 2015

È un filo sottile quello che compone la trama di Verbovisioni, mostra curata da Riccardo Caldura e ospitata nell’affascinante ambiente di stoccaggio salino contiguo a Punta della Dogana. Propaggine dell’Accademia di Belle Arti di Venezia, il magazzino fa da sfondo a un gioco di rimandi, non solo tra parola e immagine, ma anche tra gli artisti selezionati in base al comune criterio di vicinanza all’istituzione ospite. I protagonisti della rassegna, chiamati a esplicitare il proprio linguaggio verbo-visivo, si dividono tra docenti e allievi, attuali o passati, del polo didattico veneziano. L’ossatura della mostra è costituita dagli alfabeti, personali e unici, elaborati da ciascun artista, in un’alternanza di equilibri variabili tra entità visiva e verbale.
I richiami tra le opere sono intuibili, ma non forzati. Ad esempio, le celebri iscrizioni corporee di Luigi Viola rimandano alle trame incise nelle pagine dei libri filati di Maria Lai, mentre le reminiscenze futuriste tradotte nell’immaginario video contemporaneo da Gabriele Frigimelica individuano un sagace contraltare nell’ironico That’s amore di Roberta Iachini. Sui lavori dei venticinque artisti presenti domina l’ordito delle relazioni, tematiche e umane, che percorrono la mostra e trovano nell’installazione davvero partecipata di artway of thinking una summa coerente.

Arianna Testino

Venezia // fino al 19 aprile 2015
Verbovisioni. Esperienze fra parola e immagine all’Accademia di Belle Arti di Venezia
a cura di Riccardo Caldura
MAGAZZINO DEL SALE 3
Dorsoduro 264 (Zattere)
041 2413752
[email protected]
www.accademiavenezia.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/43277/verbovisioni/

 

CONDIVIDI
Arianna Testino
Arianna Testino è nata nel 1983. Ha studiato storia dell’arte medievale-moderna a Bologna e si è specializzata nelle arti contemporanee a Venezia. Appassionata di scrittura e curatela, è interessata all'approfondimento e all'ideazione di attività artistiche a carattere pubblico e sociale.