Pittura pura. Josh Smith e Terry Winters a Casamadre

Casamadre, Napoli – fino al 15 maggio 2015. La pittura non ha mai smesso di esistere. La galleria di Eduardo Cicelyn presenta i nuovi lavori di Josh Smith e Terry Winters, due grandi pittori della scuola newyorchese. Divisi da una generazione ma accomunati dal legame con l’Espressionismo astratto.

Josh Smith & Terry Winters - veduta della mostra presso Casamadre, Napoli 2015
Josh Smith & Terry Winters - veduta della mostra presso Casamadre, Napoli 2015

Apparentemente obsoleta, la pittura sopravvive nel rocambolesco mondo dell’arte contemporanea, mostrandosi in tutta la sua voluttuosa espressività. Casamadre sceglie due artisti appartenenti alla scena pittorica newyorchese, ed entrambi usano la pittura come strumento d’indagine filosofica. Josh Smith (Knoxville, Tennesse, 1976), attratto dal concetto di serialità, riproduce evocazioni del quotidiano, dipingendo o riportando sulla tela immagini con l’uso di plotter o collage, o immergendosi nell’immensità del colore. Le sue tele sono ossessive, animate da pennellate corpose e profonde, dal tratto fortemente ipnotico. Terry Winters (New York, 1949), annoverato fra gli astrattisti postmoderni, indaga la realtà dell’infinitesimale, esplorata tramite studi in biologia, botanica e scienze naturali. Macchie di colore si ripetono sulla tela come flussi di microorganismi le cui sagome sembrano evocare architetture di babelici paesaggi urbani. Il colore è il protagonista indiscusso della mostra, un confronto fra due artisti che vedono nella pittura un dispositivo in grado di raccontare l’interiorità dei possibili mondi che abitano l’immaginario.

Francesca Blandino

Napoli // fino al 15 maggio 2015
Josh Smith / Terry Winters
CASAMADRE
Piazza dei Martiri 58
081 19360591
[email protected]
www.lacasamadre.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/42755/josh-winters-terry-smith/

CONDIVIDI
Francesca Blandino
Francesca Blandino nasce a Benevento nel 1986. Specializzata in Storia dell’Arte Contemporanea presso l’Università Suor Orsola Benicasa di Napoli, sviluppa un forte interesse per le pratiche artistiche rivolte al sociale. Nel 2012 frequenta il Master in Curatore Museale e di Eventi Performativi presso lo IED (Istituto Europeo del Design) di Roma, per approfondire le dinamiche curatoriali legate all’arte contemporanea e definire meglio la sua ricerca, intenta a scovare e creare quei piccoli mondi possibili in cui il cambiamento del sistema attuale delle cose può essere sovvertito, in quanto “l’opera d’arte rappresenta un interstizio sociale” (N. Bourriaud), uno spazio libero aperto verso possibilità altre. Attualmente lavora presso la Fondazione Morra – Museo Hermann Nitsch di Napoli.