Michael Ryan: disegnare per inventarsi il reale

Galleria AnnaMarraContemporanea, Roma – fino al 16 maggio 2015. La prima personale dell’artista in Italia, negli spazi della galleria capitolina. In occasione del ciclo “Focus on”, dedicato agli artisti emergenti, una sorprendente novità.

Michael Ryan – Drawings - veduta della mostra presso la Galleria AnnaMarraContemporanea, Roma 2015
Michael Ryan – Drawings - veduta della mostra presso la Galleria AnnaMarraContemporanea, Roma 2015

Inventare una storia è partire da una situazione data e lasciare che il flusso dell’immaginazione conduca la mente altrove, in un processo generativo naturale e spontaneo. Così Michael Ryan (Chicago, 1970) genera i suoi disegni: da una fotografia, il dato reale, crea il primo tassello-immagine, per poi sommarne di nuovi, in un’organica addizione e sovrapposizione di fogli. I disegni sono caricati di un’apparente valenza di documento, seppur prodotti dell’immaginazione. Il fascino di un’antica testimonianza usurata dal tempo è il risultato di un’accurata tecnica che produce, cancella e consuma l’immagine nel suo farsi. Eppure agguati di reale sembrano trapelare dai brulicanti dettagli che paiono affievolirsi come filtrati dalla memoria. Difficile accettare che si tratta solo di fantasmi: il talento di Michael Ryan nel giocare con l’immaginazione e restituirla come dato reale sorprende e affascina.

Giulia Pareschi

Roma // fino al 16 maggio 2015
Michael Ryan Drawings
a cura di Serena Trizzino
ANNAMARRA
Via Sant’Angelo in Pescheria 32
06 97612389
[email protected]
www.annamarracontemporanea.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/43308/michael-ryan-drawings/

CONDIVIDI
Giulia Pareschi
Giulia Pareschi è nata a Ferrara nel 1987. Consegue la laurea triennale in Tecniche artistiche dello spettacolo con la tesi sperimentale “Qualcosa d’altro oltre i Minotauri”, riflessione su un’esperienza di teatro sociale attivata da Roberta Ziosi, direttrice del Teatro Comunale di Ferrara. Consegue la laurea magistrale in Storia dell’arte all’Università Cattolica di Milano, con una tesi riguardante l’esperienza artistica e accademica di Alberto Garutti e della sua “scuola” di allievi. Nel 2013 lavora presso la galleria Magazzino d’arte moderna di Roma e nel 2014 inizia la collaborazione con la z2o Sara Zanin Gallery. Ama l’arte, il cinema e il teatro e ama scrivere di ciò che la appassiona.