Il mondo intorno all’arte. Alla Nuova Pesa di Roma

La Nuova Pesa, Roma – fino al 30 aprile 2015. India, Iran e Cina a simposio. Per richiamare l’attenzione sull’universalità dell’arte, al di là delle specificità culturali.

Leila Mirzakhani, Installazione, 2015
Leila Mirzakhani, Installazione, 2015

Utilizzando l’espediente della caratterizzazione geografica, La Nuova Pesa – in collaborazione con Studio La Città di Verona – allestisce tre sale nelle quali, con soluzioni di miscelazione e continuità, sei giovani artisti, due per ogni Stato tra Iran India e Cina, saturano l’ambiente di linguaggi e concetti diversificati. Il tentativo è quello di rompere finalmente l’incantesimo dell’esotismo che confonde le carte in tavola quando si parla di Oriente, sfalsa il giudizio del fruitore così come mette in catene l’estro dell’artista. Sforzandosi di uscire dalla territorialità, spaziale, sociale, culturale, Hema Upadhyay, Riyas Komu, Navid Azimi Sajadi, Leila Mirzakhani, Qinggan Xiang e Liu Xing reinterpretano le radici all’insegna di una perdita di orizzonti dichiarata fin dal titolo dato all’esposizione, un Senza centro né periferia che spaesa l’osservatore indirizzandolo sulla strada delle sensazioni pure e della creatività, primo sintomo di qualità dell’atto artistico. Nella pulizia e libertà del tratto con cui Leila Mirzakhani sfida lo spettatore aprendo l’allestimento con una serie di gabbie e uccelli collocati in libero assemblaggio di fogli appuntati precari sulla parete, e nell’universalità del tema della libertà castrata, scevra (senza essere dimentica) di rimandi socio-politici, si rintraccia la metafora –forse non studiata ma di sicuro non casuale – di nuovi voli, lontani dai confini dell’Europa, ma ugualmente fuori dalla schiavitù dei recinti civili.

Ofelia Sisca

Roma // fino al 30 aprile 2015
Senza centro né periferia
LA NUOVA PESA
Via del Corso 530
06 3610892
[email protected]

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/43310/senza-centro-ne-periferia/