Di still life e di fiori: Liisa Karintaus a Bergamo

Studio Vanna Casati, Bergamo – fino al 9 maggio 2015. Per la seconda volta nella città lombarda, l’artista finlandese propone in una personale la sua innovativa interpretazione della natura morta di fiamminga memoria.

Liisa Karintaus, Still Life VI, 2015
Liisa Karintaus, Still Life VI, 2015

Liisa Karintaus (Muurola, 1977) espone nella galleria bergamasca alcuni fra i lavori dell’ultimo biennio. La sua ricerca attuale si concentra su un classico della pittura nordeuropea secentesca, la natura morta di soggetti floreali, e sulla sua reinterpretazione concettuale, mediata dallo sguardo contemporaneo. Per mezzo di tecniche che vanno dall’acrilico e olio su tela al carboncino, pastello e gesso su carta, l’immagine rappresentata si svincola dal dettaglio della linea definita, dalla precisione del disegno, non necessari per il fruitore del XXI secolo. La memoria scorre e la forma si perde, si disgrega nello spazio circostante, attraverso la degradazione del tempo, effimero ed evanescente. L’eco romantica del fiore si sfalda con sottile violenza, l’ombra si impone e rivaleggia col colore, superando la concezione della copia analitica di un originale. E presente è la traccia della delicatezza e dell’entropia, la ricerca della forma completa è vinta dal ricordo.

Linda Taietti

Bergamo // fino al 9 maggio 2015
Liisa Karintaus – Still life paintings
STUDIO VANNA CASATI
Via Borgo Palazzo 42
035 222333
[email protected]
www.vannacasati.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/43254/liisa-karintaus-still-life/

CONDIVIDI
Linda Taietti
Nata nel 1991, vive a Bergamo e Milano, dove studia Lettere moderne alla Statale, dopo una laurea triennale in Filologia romanza. Oscillando fra il richiamo del passato e l’interesse per la contemporaneità, legge e scrive. Predilige in particolar modo la poesia e la ricerca della traccia continua che attraversa l’arte in ogni sua forma.