Trial Version per la prima volta a Firenze. Con Elena Mazzi ed Elisa Strinna

Via del Moro 82 rosso, Firenze – fino al 29 marzo 2015. Trial Version è un gruppo di artisti e curatori, un progetto di occupazione che si muove nelle aree urbane e più precisamente agisce negli spazi abbandonati, organizzando mostre al loro interno e ridonando loro la dignità perduta. Che fare però se il luogo è offerto ed è una delle realtà contemporanee più attive di Firenze?

Exhibition View, Articolazioni oltre il linguaggio, la materia, il suo ritmo, le sue declinazioni. ph. Trial Version
Exhibition View, Articolazioni oltre il linguaggio, la materia, il suo ritmo, le sue declinazioni. ph. Trial Version

Entrati in quello che sembra essere uno spazio di recupero, ci si trova in un salotto, dove è possibile sfogliare le pagine di testi, tra cui How Nature Works di Per Bak, che hanno ispirato la ricerca interdisciplinare sulla positività del ritorno della crisi. Ricerca comune al lavoro di Elena Mazzi (Reggio Emilia, 1984; vive a Venezia) e di Elisa Strinna (Padova, 1982; vive a Venezia). Solo nel secondo ambiente ci si rende conto che quell’ingresso altro non è che l’entrata secondaria di Biagiotti Progetto Arte. Trial Version è così riuscito a non snaturarsi, rendendo apparentemente occupato uno spazio che in realtà è ancora in attività. Tre sono le mostre articolate tra piano terra, soppalco e sottosuolo: una con lavori creati a quattro mani dalle artiste, e due personali; una di Mazzi sulla memoria di un paesaggio naturale e sul suo inevitabile annullamento nella vita dell’uomo; una di Strinna sul rapporto tra l’evoluzione del prodotto artistico e le logiche di mercato. L’operazione di Trial Version è così riuscita grazie a un allestimento che, nonostante l’impeccabile pulizia, presenta una parvenza di appropriazione provvisoria.

Carolina Gestri

Firenze // fino al 29 marzo 2015
Elena Mazzi & Elisa Strinna
DELMORO82
Via del Moro 82 rosso
[email protected]
www.trialversionproject.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/43065/elena-mazzi-elisa-strinna-tre-mostre/

CONDIVIDI
Carolina Gestri
Carolina Gestri (Firenze, 1989) è storica dell’arte e curatrice. Dopo alcune esperienze in realtà come CCC Strozzina (Firenze), Compagnia Virgilio Sieni (Firenze) e Viafarini DOCVA (Milano), nel 2013 viene selezionata per CAMPO13, corso di formazione per curatori della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo (Torino). Nello stesso anno collabora come consulente per il Museo Novecento (Firenze) e fonda due collettivi curatoriali (“host” e “ones - office. a non exhibition space”). Dal 2015 al 2016 lavora presso il Museo Marino Marini seguendo la produzione e la comunicazione delle mostre temporanee. Attualmente è coordinatrice di VISIO – European Programme on Artists’ Moving Images, un programma formativo promosso da “Lo schermo dell’arte Film Festival” strutturato in una mostra e una serie di seminari. È co-fondatrice di KABUL magazine, associazione culturale e rivista online che si pone l’obiettivo di tracciare un quadro lucido e approfondito sulle principali teorie che animano il dibattito contemporaneo e delle sue ripercussioni nella produzione artistica.