Per Liliana Moro niente è come sembra. La mostra a Palermo

Francesco Pantaleone Arte Contemporanea, Palermo – fino al 1° maggio. Liliana Moro ritorna alla galleria siciliana. Con una riflessione sull’instabilità percettiva e fisica dell’esistenza umana.

Liliana Moro - àncóra - veduta della mostra presso la Francesco Pantaleone Arte Contemporanea, Palermo 2015 - photo G. D'Aguanno
Liliana Moro - àncóra - veduta della mostra presso la Francesco Pantaleone Arte Contemporanea, Palermo 2015 - photo G. D'Aguanno

Per definizione, gli accenti sono segni grafici che indicano la pronuncia e determinano il significato delle parole. Ma cosa succederebbe se sullo stesso termine venissero posti più accenti, facendo coesistere più dizioni e contenuti? Sicuramente un’implosione di significati e significanti. La contraddizione insita nella percezione della realtà – e l’instabilità che ne consegue – è il leitmotiv di Àncóra. Le sculture, le installazioni e i collage sono opere ossimoriche, dalla natura ambigua e dall’alterata destinazione d’uso, volte a sottolineare quanto sia ardua la ricerca di punti di riferimento certi nel fluire incerto della vita. Così, alcuni salvagente dall’anima di cemento rimangono ancorati a terra, come ormeggi a cui aggrapparsi durante una tempesta; una luce capovolta, introspettiva ma non trascendentale, illumina il pavimento anziché elevarsi e diffondersi nell’aria. E poi il neon Àncóra: in un’unica espressione i concetti di spazio e tempo coincidono, evidenziando come questi siano gli assi cartesiani del pensare e dell’agire umano, nonostante le fluttuazioni dell’esistenza.

Desirée Maida

Palermo // fino al 1° maggio 2015
Liliana Moro – Àncóra
a cura di Agata Polizzi
FRANCESCO PANTALEONE
Via Vittorio Emanuele 303
091 332482
[email protected]
www.fpac.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/42438/liliana-moro-ancora/

CONDIVIDI
Desirée Maida
Desirée Maida (Palermo, 1985) ha studiato presso l’Università degli Studi di Palermo, dove nel 2012 ha conseguito la laurea specialistica in Storia dell’Arte. Palermitana doc, appassionata di alchimia e cultura giapponese, approda al mondo dell’arte contemporanea dopo aver condotto studi sulla pittura del Tardo Manierismo meridionale (approfonditi durante un periodo di ricerche presso la Galleria Regionale della Sicilia di Palazzo Abatellis) e sull’architettura medievale siciliana. Vive a Palermo, dove collabora con gallerie d’arte, scrive per testate d’arte contemporanea e lavora come storico dell’arte e curatore.