Federico De Leonardis e l’esordio di Theca Gallery

Theca Gallery, Milano – fino all’11 aprile 2015. Una nuova galleria ha aperto nel capoluogo lombardo. Andrea Alpini, italiano, ha aperto per qualche tempo a Lugano ma poi ha fatto dietrofront. E ora espone un’opera che sono quattro. Qui trovate la recensione, su Artribune Magazine invece l’intervista al gallerista.

Federico De Leonardis, Cuscino e Punto, acciaio, parte dell'installazione Fessura in punto, linea e superficie - Theca Gallery, Milano 2015
Federico De Leonardis, Cuscino e Punto, acciaio, parte dell'installazione Fessura in punto, linea e superficie - Theca Gallery, Milano 2015

Andrea Alpini inaugura la sua galleria milanese esponendo un’unica opera, composta da quattro lavori, di un artista intelligente e complesso, che giovane non è: Federico De Leonardis (La Spezia, 1938). L’opera site specific dialoga perfettamente con il contenuto spazio della galleria, che è stato manipolato, bucato, lavorato. Il suo titolo è esplicito, Fessura in Punto, linea e superficie: il riferimento alla storia dell’arte è chiaro. De Leonardis, qui come nelle altre sue opere, sogna un’architettura inesistente, fatta di accenni, di segni, di punti: come un’utopia spaziale e non solo. Se si volesse trovare un artista al quale avvicinare De Leonardis, non ci sarebbero dubbi ad accostarlo a Gordon Matta-Clark, che a Milano ha operato quarant’anni fa. Ma in quegli anni tutto, o molto, era permesso. Oggi le cose sono cambiate, si sono ribaltate, per cui ben vengano i galleristi coraggiosi che offrono la possibilità di lavorare ad artisti che, come De Leonardis, riescono a dare una forma all’energia pura.

Angela Madesani

Milano // fino all’11 aprile
Federico De Leonardis – Erlebnis
a cura di Piero 1/2Botta
THECA GALLERY
334 2849730
[email protected]
www.theca-art.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/42472/federico-de-leonardis-erlebnis/

CONDIVIDI
Angela Madesani
Storica dell’arte e curatrice indipendente, è autrice, fra le altre cose, del volume “Le icone fluttuanti. Storia del cinema d’artista e della videoarte in Italia”, di “Storia della fotografia” per i tipi di Bruno Mondadori e di “Le intelligenze dell’arte” (Nomos edizioni). Ha curato numerose mostre presso istituzioni pubbliche e private italiane e straniere. È autrice di numerosi volumi di prestigiosi autori fra i quali: Gabriele Basilico, Giuseppe Cavalli, Franco Vaccari, Vincenzo Castella, Francesco Jodice, Elisabeth Scherffig, Anne e Patrick Poirier, Luigi Ghirri. Ha recentemente curato un volume sugli scritti d’arte di Giuseppe Ungaretti. Insegna all’Accademia di Brera e all’Istituto Europeo del Design di Milano.