Dopo l’Apocalisse con Neïl Beloufa

Galleria Zero…, Milano – fino al 3 aprile 2015. Neïl Beloufa unisce schiettezza e ironia. Per trasformare semplici elementi in installazioni complesse. In un clima generale da post-Apocalisse.

Neil Beloufa – We are safe now - veduta della mostra presso la Galleria Zero...,Milano 2015
Neil Beloufa – We are safe now - veduta della mostra presso la Galleria Zero...,Milano 2015

Il titolo della personale di Neïl Beloufa è l’ultima frase di Children of men di Alfonso Cuarón, un film distopico dove la donna smette di essere fertile e l’umanità è destinata all’estinzione. L’estetica del film è post-apocalittica e in effetti è la stessa sensazione che trasmette passeggiare tra le opere della mostra, che sembrano macerie del passato, squarci e collage di forme inaspettate. We are safe now è un messaggio di per sé ottimistico, ma nel linguaggio di Beloufa, al confine fra realismo e fiction, diventa dubbioso, quasi ironico. Il video World Domination, ad esempio, presenta politici che parlano di crisi e di guerre, ma la superficie su cui è proiettato è irregolare, si muove, sfugge, diventa paradossalmente il punto focale dell’installazione.

Gli ingranaggi che muovono le installazioni, dai video alle luci, dai fili elettrici fino alle prese di corrente, sono mostrati in modo molto schietto, quasi per dimostrare che tutto lo scibile è presente in forma grezza. Eppure la quantità e la varietà, la fantascienza e la cronaca, rimescolano anche le forme più semplici in installazioni complesse, in cui è facile perdersi.

Lodovico Lindemann

Milano // fino al 3 aprile 2015
Neil Beloufa – We are safe now
GALLERIA ZERO
Viale Premuda 46
02 8723 4577
[email protected]
www.galleriazero.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/42597/neil-beloufa-we-are-safe-now/

CONDIVIDI
Lodovico Lindemann
Lodovico Lindemann, appassionato entusiasta abitante di questo e dell’altro mondo. Milanese d’adozione, laureato in Lettere Moderne, ha sviluppato un interesse verso qualunque forma di creatività, in particolare il teatro e la musica. La sua vera passione è scrivere, su cui spera di costruirsi un futuro.