Ali Kazma e la cura contro il tempo

Galleria Francesca Minini, Milano – fino al 10 aprile 2015. I video dell’artista turco descrivono,
sotto diverse forme e rituali, i limiti della lotta umana. Una lotta del tutto terrestre: combattere
contro una temporalità che non ci appartiene mai del tutto e che ci spinge ad oltrepassare
sempre i limiti.

Ali Kazma – Care - veduta della mostra presso la Galleria Francesca Minini, Milano 2015
Ali Kazma – Care - veduta della mostra presso la Galleria Francesca Minini, Milano 2015

La personale di Ali Kazma (Istanbul, 1971) con il titolo Care e con la forza performativa di un’energia sotterranea si inserisce in galleria alla ricerca della cura, della protezione perfetta. Il lavoro di maggior rilievo, all’interno del percorso, è l’ultimo suo progetto, Crystal, un nuovo episodio dalle serie Obstructions, una composizione spaziale che interconnette le radici visuali e concettuali di tutti i lavori presenti in galleria (fra i quali Calligraphy, Play, Tattoo). Nella sala principale spandono, infatti, i tre video alla serie Resistance – proiettati durante la 55. Biennale al Padiglione della Turchia –, tre arazzi filmici che mantengono lo sguardo sui limiti del corpo umano e sulle diverse strategie rappresentative per ottenerne una sorta di descrizione del controllo sulla continuità. Oltre ogni fine.

Ginevra Bria

Milano // fino al 10 aprile 2015
Ali Kazma – Care
FRANCESCA MININI
Via Massimiano 25
02 26924671
[email protected]
www.francescaminini.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/42434/ali-kazma-care/

 

 

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.