Paolo Gioli e Joel-Peter Witkin. Corpo a corpo da Massimo Minini

Galleria Massimo Minini, Brescia – fino al 7 marzo 2015. La fotografia incontra sembianze e superfici del corpo tra l’obiettivo di Joel-Peter Witkin e quello di Paolo Gioli. Un incontro che esula dalle pareti bagnate dal neon per riversarsi in lezioni sull’anatomia della posa.

Joel-Peter Witkin, Self-Portrait (with finger disease), NYC, 1970, 25x30 cm
Joel-Peter Witkin, Self-Portrait (with finger disease), NYC, 1970, 25x30 cm

Massimo Minini pone in dialogo due saggi interpreti del corpo nella fotografia, Joel-Peter Witkin (New York, 1939) e Paolo Gioli (Rovigo, 1942), grazie anche alla collaborazione, al gemellaggio con la Baudoin Lebon che, a tre giorni di distanza dalla corrispettiva italiana, il 14 gennaio ha inaugurato una nuova doppia personale, sempre dedicata ai due autori. Entrambi i fotografi mettono a nudo l’artificio del corpo che non basta a se stesso né alle proprie Naturae, come suggerito da Gioli; corpo che, infine, non può rappresentare solo se stesso, come suggerisce ogni scenografia preparata di contesto da Witkin. Nel loro insieme, i lavori di piccolo e medio formato sono testimonianze sporadiche tanto di una trasformazione quanto di una preparazione dell’occhio alla nudità, guardata sempre, in entrambe le tipologie di lavori, come una estrema interpretazione scultorea, ad majora, della vita.

Ginevra Bria

Brescia // fino al 7 marzo 2015
Paolo Gioli / Joel-Peter Witkin
MASSIMO MININI
Via Apollonio 68
030 383034
[email protected]
www.galleriaminini.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/41447/paolo-gioli-joel-peter-witkin/

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.