Verità non caduca, non fuggitiva: Ungaretti e i suoi artisti

Galleria Biffi Arte, Piacenza – fino all’8 febbraio 2015. Una dotta rassegna che fa luce sull’intenso rapporto, durato una vita intera, fra Giuseppe Ungaretti e gli artisti di cui scrisse.

Ungà - Biffi Arte, Piacenza 2014 - Giacomo Balla

Tra i poeti più noti del XX secolo, Giuseppe Ungaretti affermò che “un unico e medesimo segreto di poesia mosse, muove e muoverà sempre l’arte. Egli stesso, fin da giovane, si interessò d’arte, avendo sempre chiara consapevolezza dei predecessori. Intrecciò rapporti d’amicizia con diversi artisti, tra i quali Rosai, Carrà e Fautrier, il quale lo ribattezzò affettuosamente Ungà, che è anche il titolo della rassegna a cui Angela Madesani ha dato vita. Si manifesta così una compenetrazione dall’eccezionale profondità tra la scrittura evocativa del poeta e l’oggetto che attua la scrittura, rappresentato dalle opere esposte di artisti quali Balla, Boccioni, Broglio, Cagli, Clerici, de Chirico, Guttuso, Martini, Soffici, Scipione, Signorelli, solo per citarne alcuni. Un catalogo edito da Nomos Edizioni completa l’elegante ricerca proposta: in esso sono contenuti tutti i testi di argomento artistico del poeta d’origini toscane non presenti nella meno recente raccolta dei Meridiani Mondadori.

Linda Taietti

Piacenza // fino all’8 febbraio 2015
Ungà. Giuseppe Ungaretti e l’arte del XX secolo
a cura di Angela Madesani
BIFFI ARTE
Via Chiapponi 39
0523 1720408
[email protected]
www.biffiarte.it  

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/40925/unga-i-pittori-di-giuseppe-ungaretti/

CONDIVIDI
Linda Taietti
Nata nel 1991, vive a Bergamo e Milano, dove studia Lettere moderne alla Statale, dopo una laurea triennale in Filologia romanza. Oscillando fra il richiamo del passato e l’interesse per la contemporaneità, legge e scrive. Predilige in particolar modo la poesia e la ricerca della traccia continua che attraversa l’arte in ogni sua forma.