Giulia Cenci. Una promessa a Milano

Tile Project Space, Milano – fino al 31 gennaio 2015. Nello spazio di viale Misurata, una giovanissima artista toscana dispone oggetti consunti e forme di scarto d’uso quotidiano. Che richiamano, nella neutralità della loro forma cromatica, la digressione prodotta dagli indizi implacabili del tempo.

Gli spazi, volutamente ordinari, contingenti della piattaforma curatoriale Tile ospitano una personale dal titolo Mai. Oggetti d’uso quotidiano che vengono presentati come tracce di sistemi esistenziali lontani, dimenticati. Diaspore di pianeti sui quali la vita ha avuto luogo in cambio della sua trascendenza. Giulia Cenci (Cortona, 1988) ritualizza la schematicità di mondi perduti, presentando una serie di lavori scultorei dalla forma ormai corrotta e dalla temporalità non più identificabile. Niente di quel che è disseminato a terra riproduce meglio la volontà scultorea di frammenti disparati. Componenti di una navicella astrale, elementi che lasciano all’immaginazione solo la dimensionalità superficiale di forme riconoscibili, come secchi, vasche e sedute disegnate dalle proiezioni di particolari mancanti, derivanti dal gesto selettivo e dall’intervento minimo dell’artista che accelera e restituisce allo spazio una sua antichità.

 

Ginevra Bria


Milano // fino al 31 gennaio 2015
Giulia Cenci – Mai
TILE PROJECT SPACE
Via Garian 64
[email protected]
http://tileprojectspace.tumblr.com

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/40805/giulia-cenci-mai/

 

CONDIVIDI
Ginevra Bria
Ginevra Bria è critico d’arte e curatore di Isisuf – Istituto Internazionale di Studi sul Futurismo di Milano. E’ specializzata in arte contemporanea latinoamericana. In qualità di giornalista, in Italia, lavora come redattore di Artribune e Alfabeta2. Vive e lavora a Milano.