Giancarlo De Carlo. Il disegno e l’architettura alla Triennale di Milano

Triennale, Milano – fino all’11 gennaio 2015. Una piccola mostra, allestita egregiamente, racconta l’architettura di Giancarlo De Carlo. Attraverso gli schizzi inediti.

Giancarlo De Carlo - Schizzo

La mano dell’architetto disegna incessantemente. Quando si pensa che disegni solo per il progetto si è in errore. Perché il progetto e lo sguardo dell’architetto sul mondo sono la stessa cosa. La mano traduce in schizzo un pensiero, l’espressione di un’idea si materializza sul foglio più che nelle parole. E quando si tratta della splendida mente di Giancarlo De Carlo (Genova, 1919 – Urbino, 2005), diviene un privilegio esser messi a parte di tali riflessioni.
La mostra Giancarlo De Carlo. Schizzi inediti è una raccolta di schizzi in gran parte mai esposti, con modelli, interviste e contributi video che avvicinano all’architetto più di lunghe monografie. Nota, infatti, è la sua lunga carriera di docente presso lo IUAV di Venezia e l’Ilaud di Urbino, nonché la sua sperimentazione e ricerca iniziata con il Team X durante il decimo CIAM, nel 1956. A contraddistinguere la sua architettura, spingendola oltre l’etichetta del “New Brutalism” associata al suo “gruppo”, vi fu la costante convinzione che il progetto debba coesistere con la partecipazione e che sia imprescindibile la sua rispondenza alle esigenze della realtà sociale. Con l’architetto come trait d’union di questo dialogo.

Giancarlo De Carlo - Schizzi inediti - veduta della mostra presso la Triennale, Milano 2014
Giancarlo De Carlo – Schizzi inediti – veduta della mostra presso la Triennale, Milano 2014

L’architettura è fondamentalmente organizzazione dello spazio. Tutto quello che allontana da questo intento, seppure di qualità, non è architettura”, scriveva De Carlo. Un’ideologia forte, una personalità marcata, è quella che ci viene mostrata, senza didascalie né cornici, su una parete blu che taglia lo spazio della sala del Palazzo dell’Arte dedicatagli, supportando i disegni senza imporsi. Un patchwork di citazioni e schizzi ricostruisce l’estetica e la ragione di De Carlo, dall’approfondimento progettuale al gesto spontaneo, lasciando al visitatore la possibilità di viaggiare lungo le linee della penna e tra le righe del suo pensiero.
“Piazza de Carlo” come luogo dello stare: un piccolo spazio prezioso che invita a osservare, sedersi, ascoltare. La mostra riesce a tradurre in allestimento un principio caro allo stesso architetto: “Ogni progetto riuscito ha origine nella comprensione profonda del contesto in cui si trova anche quando lo trasforma radicalmente”.

Flavia Chiavaroli

Milano // fino all’11 gennaio 2015
Giancarlo De Carlo –
Schizzi inediti
TRIENNALE DI MILANO
Viale Alemagna 6
02 72434
www.triennale.org

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/41101/giancarlo-de-carlo/

CONDIVIDI
Flavia ChiavarolI
Architetto, exhibition designer e critico freelance. Osservatrice attenta e grande appassionata di architettura ed arte moderna e contemporanea riporta la sua esperienza nell’organizzazione di workshop, collabora con artisti e fotografi e aggiornando i principali social network. Dal 2012 si occupa di progettazione di mostre ed eventi.