E il visitatore si fa archeologo. Giancarlo Neri alle Case Romane del Celio

Case Romane del Celio, Roma – fino al 16 febbraio 2015. Secondo appuntamento per il ciclo di tre progetti curati da Takeawaygallery. Ed è l’installazione ambientale di Giancarlo Neri che, tra presente e passato, trasforma la percezione dello spazio.

Giancarlo Neri, Latinorum, 2014 - sala mosaico - photo Takeawaygallery_Stefano Esposito
Giancarlo Neri, Latinorum, 2014 - sala mosaico - photo Takeawaygallery_Stefano Esposito

Nelle venti stanze ipogee del complesso archeologico, una topografia di microinterventi tracciata con efficacia da Giancarlo Neri (Napoli, 1955; vive a Roma) cambia la percezione dello spazio. Un percorso organico, Latinorum, costellato da oggetti e sculture di medie e piccole dimensioni, tutti estrapolati dal contemporaneo, tra ironia e invito alla riflessione. Che trasforma un’esperienza archeologica in viaggio di riscoperta. Ogni microambiente vive attraverso il forte coinvolgimento della luce che lo strappa dall’oscurità archetipica. Il visitatore, improvvisato archeologo immerso nell’atmosfera sospesa, riscopre il frammento di un’unica storia che fonde presente e passato. Qui, elementi del quotidiano si fanno reperti della memoria, quasi oggetti di culto. L’artista, con uno strato di vernice d’oro, li ha bloccati nello spazio-tempo in un’immobile preziosità: come se, per una sorta d’alchemica trasmutazione nell’anima della materia, si sforzassero di raggiungere l’ultima e intima verità delle cose assicurandosi l’immortalità.

Lori Adragna

Roma // fino al 16 febbraio 2015
Giancarlo Neri – Latinorum
a cura di Carlotta Monteverde
progetto Takeawaygallery
CASE ROMANE DEL CELIO

Clivo di Scauro
06 70454544
[email protected]
[email protected]
www.caseromane.it

MORE INFO:
http://www.artribune.com/dettaglio/evento/40407/giancarlo-neri-latinorum/

CONDIVIDI
Lori Adragna
Lori Adragna nata a Palermo, vive e lavora a Roma. Storico dell’arte con perfezionamento in simbologia (Arte e simboli nella psicologia junghiana). Critico e curatore indipendente, dal 1996 organizza mostre ed eventi culturali per spazi privati e pubblici tra cui: Museo Nazionale d’Arte orientale di Roma; Villa Piccolomini, Roma; Museo D'Annunzio, Pescara; Teatro Palladium, Università Roma Tre; Teatro Furio Camillo, Roma; Palazzo Sant’Elia, Palermo; Museo di Capodimonte, Napoli; Complesso monumentale di San Leucio, Caserta; Museo Carlo Bilotti Aranciera di Villa Borghese, Roma. In veste di consulente editoriale e artistico ha collaborato inoltre per il Ministero per i Beni e le Attività Culturali (realizzando cataloghi e mostre nel Complesso monumentale di S. Michele a Ripa). I suoi testi sono pubblicati su enciclopedie, libri, cataloghi, in Italia e all’Estero. Scrive come free lance per numerose riviste specializzate nel settore artistico.